Digital Marketing e advertising: i trend del 2020 in Italia

Nato ‘da una costola’ della SEO, oggigiorno il Digital Marketing costituisce un’arma strategica per lo sviluppo di una realtà aziendale, un campo d’azione che da pochi anni a questa parte sta assumendo sempre più importanza sul piano commerciale per l’impresa.
Partiamo – o meglio, iniziamo – da una bella definizione di Digital Marketing: è “l’insieme delle attività di marketing che utilizzano i canali web per sviluppare e ampliare la rete commerciale dell’azienda, analizzare i trend di mercato, prevederne l’andamento e creare opportune offerte sul profilo del cliente target – buyer -“; alla base le attività di SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing) a cui si affiancano competenze e abilità più specifiche che fanno riferimento a particolari strumenti di analisi e campagna pubblicitaria (advertising).

Ma quali saranno i trends, gli orientamenti del Digital Marketing per il 2020? Da una ricerca svolta su un importante campione di professionisti italiani emergono conferme come nuove sfide, nuovi orientamenti che prendono spunto da tecnologie appena introdotte nel mondo del digitale.
“I dati che emergono dalla ricerca mettono in luce uno scenario che sta cambiando e acquisendo una nuova maturità ed un inserzionista sempre più competente e consapevole del futuro.”. E ancora: “Questo fa bene al mercato e agli stessi operatori che dovranno puntare sempre di più su innovazione e crescita delle competenze per approcciare il settore in modo più strutturato ed evoluto”. [fonte: www.ninjamarketing]

Un mercato che cresce guidato da mobile, social media e search

Futuro prossimo che si preannuncia roseo per il settore del digital con una previsione di crescita nell’anno che verrà del 30%, in virtù dell’incremento degli investimenti sui nuovi strumenti che stanno nascendo e facendo breccia pure nel settore del DM (mobile, video, social).

Sempre maggior peso assumerà il settore del mobile, ciò in linea con l’aumentare del tempo speso “pro-capite” per navigare su smartphone, sia per fare acquisti online sia per visualizzare video. Si aggiunga che già una buona fetta degli operatori pubblicitari progetta e istrada le proprie campagne su dispositivi mobile.
Un altro settore su cui si farà sempre più leva in futuro è quello dei social media per far incontrare il potenziale cliente con i prodotti/servizi offerti.

A scapito del traffico organico, negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede la paid search, ovvero le strategie pubblicitarie a pagamento (ciò che è il SEM).

Così come l’adozione dei video (video advertising) inteso sia come puro strumento di pubblicità sia di presentazione dei propri prodotti.

Advertising, la pubblicità (dal verbo inglese advertise), è un termine che va a braccetto ed è diretta conseguenza del DM.

E c’è una realtà, una dimensione che sta acquisendo piede da alcuni mesi in questo contesto e ancor più ne avrà nel prossimo anno: l’esigenza di maggior efficienza, più trasparenza e un maggior controllo sui costi, sta portando sempre più le aziende ad internalizzare le proprie attività di web e digital marketing (“In housing“) piuttosto che ad affidarsi a consulenti esterni. Uno dei settori più dinamici della pubblicità digitale si conferma quello del Programmatic Advertising (pubblicità computerizzata), ovvero software specializzati nell’acquisto di spazi pubblicitari online, e questo approccio è sempre più presente nelle scelte delle aziende soprattutto in termini di ottimizzazione dei costi e ritorno efficace degli investimenti. Le aziende intervistate convengono nell’affermare che il Programmatic rappresenti un canale pubblicitario chiave ed efficace, confermando un settore in piena crescita grazie anche alle possibilità nascenti di integrazione con altre tecnologie come l’Out of Home. Dalla ricerca emerge anche che già ora più del 50% degli advertiser già acquista o gestisce spazi in programmatic.

Nuove metriche di misurazione

Il tema della misurazione e dell’efficacia delle campagne pubblicitarie è da sempre considerato importante per gli inserzionisti.
La sfida del mercato è proprio quella di riuscire ad evolvere ed individuare standard più precisi che permettono una misurazione più puntuale del ritorno (ROI) delle campagne. Secondo la ricerca il 55% degli advertiser ritiene siano necessarie nuove metriche di misurazione in grado di delineare una cronologia del legame fra cliente ed azienda (customer journey), sempre più diversificata e multi-device.

Nonostante i modelli basati su approcci tradizionali restano ancora quelli largamente più utilizzati tra le tecnologie che segneranno il futuro del digital non c’è dubbio che a farla da padrone saranno i big data e l’intelligenza artificiale i quali combinati insieme saranno utili a definire con maggior precisione le strategie migliori da applicare.

Da ultimo, il mercato pubblicitario complessivo in Italia ha chiuso il 2018 a quota 8,2 miliardi di euro con una crescita del 4% e l’internet advertising si appresta a chiudere il 2019 intorno ai 3,2 miliardi di euro con tasso di crescita di circa il 10% e, secondo la ricerca, si prevede nel 2020 una crescita ulteriore. Gli investimenti sul Mobile aumentano, superando quelli su desktop. La ricerca evidenzia che il 79% delle aziende veicola principalmente campagne su mobile, soprattutto su smartphone (il tablet non supera il 10%), ma il desktop rimane un dispositivo chiave per il 76% degli intervistati.
Nel 2020 è prevista une crescita della spesa pubblicitaria trainata soprattutto da paid search, social e video. Negli ultimi anni la paid search ha risentito di una crescita continua grazie anche a maggiori possibilità di personalizzazione e soluzioni sempre più integrate ai processi di acquisto e vendita online e ai dispositivi mobile. I brand investono quote sempre maggiori anche sui social media.