Atlas d’autorità

Ultime giornate dei campionati PGS. Oggi in quei di San Fermo dove di fronte sono la compagine u13 locale di Ambrosetti che ospita il sodalizio de I Gabbiani. A due gare dalla conclusione della fase primaverile, una questione a due quella per il primato nel girone VA05 proprio fra la formazione varesina e quella gallaratese di Cedrate.
Partita decisamente scorrevole, con la squadra locale che riesce ad imporsi pur non senza difficoltà: infatti, la squadra di Galliate Novarese, pur oramai tagliata fuori dai giochi finali, non sta a guardare e in alcuni frangenti dell’ora e mezza di gioco mette in apprensione il sestetto e la panchina di casa. Così ad esempio dopo un “perentorio” epilogo del primo set in cui le locali si impongono facilmente (17-4), il ritorno in campo pare segnare il punto di svolta con le avversarie che .. iniziano a ingranare e ad entrare in partita (parziale di 0-5). Buona la condotta del parziale da parte della squadra di Coach Bignoli ma al termine conclusiva di un set comubwue impegnstivo Atlas capovolge lre sorti e vince ai vantaggi 18-16.
Non meno interessanti i rimanenti set con I Gabbiani che comunque ora non mollano e non accenna no a diminuire la propria determinazione nonostante la presenza della prima linea di Atlas; per gli amanti della cabala, set che terminano tutti 17-11 !

Per OSGB prove di .. volo con I Gabbiani

(domenica 18 febbraio)

Oggi buon ‘test’ il secondo impegno stagionale a Induno Olona: categoria under 16, di fronte la formazione locale di OSGB opposta alle coetanee della compagine novarese de I Gabbiani.
Giunto sul campo ritrovo l’amica Benedetta alla guida del sodalizio di casa. Dalle distinte noto che la squadra de I Gabbiani è ‘fuori classifica’ presentando nella propria rosa un ‘2007’; squadra di casa invece relativamente giovane. Dal riscaldamento emerge, ed è poi quanto si vedrà in partita, OSGB orientata ad un gioco maggiormente organico, I Gabbiani puntare su palle lunghe (e questi saranno i punti di forza che si apprezzeranno !).
Approccio alla gara: formazioni aggressive e .. solide, ambedue dalle ambizioni già alte in questa tornata dei campionati PGS, ma la partita non offre grossi spunti tecnici almeno nei primi due set nei quali palesemente le due squadre “si stuzzicano”, dapprima appannaggio di OSGB poi I Gabbiani trovano l’alchimia giusta e impongono il proprio gioco, ancorché asfissiante … Primi due set sostanzialmente antitetici, con la formazione di casa che riesce a “stordire” le avversarie incapaci di trovare il giusto assetto sul rettangolo di gioco non riuscendo ad essere convincenti nel primo (15-7, 17-10) e al contrario un secondo parziale in cui pur partite in sordina le ragazze di Pozzan mettono la quinta e con una buona rotazione con il capitano in battuta annichiliscono la retroguardia di OSGB inermi (15-25).

Ritmi sempre serrati ora, formazioni che si inseguono punto a punto, ma la squadra dell’OltrePo comincia a trovare le giuste sinergie e dinamiche per far girare la palla… Le ragazze di Mazzola avvertono questo cambiamento e verosimilmente non abbassano la guardia (6-3) ma le avversarie rispondono alla pari e mettono la freccia (13-16) quando asd inizio di seconda rotazione intensificano il gioco dai nove metri confidando in validi “bracci armati” (numero 33 in particolare) per il 21-25 finale, mentre dall’altra parte le ragazze di OSGB pasticciano su palle innocue e gestibili. Set successivo incerto fino ad inizio seconda rotazione (12-11), quando dal capitano e dal numero 25 in battuta (battute al full di cotone !!) arriva il La per la formazione de I Gabbiani mentre non si risolve l’empasse di Induno che, pur cresciute raggiunta la doppia cifra e portato il parziale ai vantaggi, cedono, complice anche una vistosa accompagnata che a giudizio non poteva passare inosservata, il set 24-26.

Oggi dunque una buona prova utile – dicevo – per saggiare la mia preparazione in una categoria in cui “la fermezza” conta: e i risultati li posso apprezzare. E infatti, salito sul trespolo con la solita determinazione, mantengo alta l’asticella dell’attenzione sulle dinamiche di gioco, con particolare attenzione a quelli che possono essere i falli più comuni su tutti quelli di seconda linea e le invasioni) e placo gli animi in campo – squadre comunque non particolarmente fallose – richiamando in un certo senso ambo le parti ad un “rispetto delle regole” (qualche esagerazione ? non penso) nei primi set, mentre nella parte finale della gara mi limito a gestire le dinamiche.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com