Primati di AI: Chatbot e Assistenti Virtuali

(19 febbraio)

In principio fu il mobile. Un settore che rapidamente ci ha imposto e abituato, con la sua crescita esponenziale, ad avere tempi di risposta sempre più rapidi dagli elaboratori, in un mondo pervaso dalla smanìa del “tutto e subito”, ma anche ad un continuo rincorrersi di artifizi e tecniche che soddisfacessero i nostri bisogni/desideri. Ebbene, anche a ciò l’informatica più avanzata ha saputo rispondere con le applicazioni dell’AI.

In particolare, a queste esigenze vengono incontro i cosiddetti “chatbots“. Si tratta di software piuttosto che dispositivi in grado di interpretare comandi vocali e interagire con le persone, in funzione proprio dell’Intelligenza Artificiale. Ne esistono di due tipi: i “chatbot” e gli ‘assistenti vocali” (o ‘virtuali”).


Un Chatbot è un software programmato che simula una chat: vale a dire, permette di ricreare una sorta di ambiente virtuale – ad es. una chat appunto – in cui un utente può confrontarsi per ottenere delle risposte . Può essere pensato come un programma in grado di ricevere domande e rispondere secondo specifiche; è strutturato come una alberatura domande/risposte che vengono effettuate in successione al fine di arrivare a una risposta. L’Assistente Vocale è invece basato su algoritmi intelligenti, mediante i quali si ottiene la comprensione di concetti precisi. A differenza del primo, entra in relazione con l’utente perché comunica con un “linguaggio naturale“, cioè comprensibile alla macchina; è un chatbot dotato di intelligenza artificiale, capace di rispondere anche a domande non previste.

Due applicazioni software che vengono utilizzati in disparati campi di applicazione – dalla casa al settore sanitario, alle applicazioni sulle automobili, ecc. -, e conseguentemente gli sviluppi che hanno seguito.

“La diversa interazione che si stabilisce con questi due differenti Virtual Assistant determina un diverso approccio alle due tecnologie: il chatbot è un software che può simulare una conversazione strutturata, e trova particolare applicazione nel settore ‘Customer Care‘ sostituendosi all’operatore umano; l’Assistente Vocale come detto altrove è una applicazione risultato di intelligenza artificiale e machine learning in grado di elaborare comandi vocali, che si può definire essenzialmente come un ‘aiuto nella quotidianità‘.

Quella dei chatbot in senso stretto è perciò una soluzione ideale nel campo dell’assistenza clienti dove è sempre più importante la qualità e la velocità del servizio.
Al contrario gli Assistenti Vocali (o Assistenti Virtuali) sono destinati ad un uso in larga parte casalingo, e il successo è apprezzabile nell’uso dispendioso che ne stanno facendo i consumatori i quali ben hanno accolto l’adozione dei comandi vocali, arrivando finanche ad assumere le sembianze di un umano con cui dialogare e addirittura in grado di risolvere possibili problematiche con un approccio empatico !

Diversità oramai latente a ben vedere. Se in passato, il chatbot poteva eseguire solo compiti specifici come una modifica della password o fornire informazioni sul tempo, al contrario dell’assistente virtuale in grado di offrire un ventaglio più ampio di risposte ricorrenti, i progressi che si sono ottenuti con la NLP (Natural Language Processing) e l’apprendimento automatico, hanno accorciato la forbice esistente tra i due: così, ecco che anche il chatbot in senso stretto viene ad essere una applicazione a cui rivolgere domande e ottenere risposte secondo specifiche fornite. “In futuro potremmo forse arrivare a parlare di un unico Assistente Virtuale, capace di integrare al suo interno soluzioni diverse che consentano diversi tipi di interazione, capaci in questo modo di andare incontro alle esigenze e preferenze di un numero maggiore di consumatori.”

La natura stessa dei chatbot delimita le loro capacità. Ogni chatbot è in un certo senso ancorato ad una funzione limitata: sono adatti ad applicazioni singole come il supporto clienti, il customer engagement o gli acquisti automatizzati. Non possono variare il loro vocabolario o acquisire un linguaggio così vasto da poter servire qualsiasi altra funzione, oltre a quella per cui sono stati progettati.
Come visto, vengono tendenzialmente usati per il supporto clienti (di qualsiasi natura, dal meteo fino ai consigli per i film) o per gli acquisti automatizzati (ad esempio per i biglietti del treno). Ancora adesso hanno difficoltà a ricordare le informazioni chiave durante le conversazioni. Viceversa gli assistenti virtuali dimostrano che possono memorizzare ciò che gli si dice, conservando le informazioni per uso futuro, risparmiando all’utente il tempo e la noia di riscriverle ogni volta. Dovessi chiedere info su un ordine o delle informazioni riguardo a modifiche da apportare, non ti chiederebbe di inviarle nuovamente.

“E’ importante che i Virtual Assistant rispecchino i desideri degli utilizzatori finali che, pur sapendo di stare interagendo con una macchina, preferiscono che questa abbia caratteristiche tipicamente umane, come la pazienza e l’empatia.”
“Umanizzare il più possibile l’Assistente e la modalità di interazione è dunque fondamentale per far sì che l’uso di questi software sia sempre più naturale e coinvolgente per gli utenti, elemento fondamentale per una reale diffusione di questa soluzione.” [rif.: www.vidiemme.it]

L’Assistente Virtuale è un’interfaccia di comunicazione che si basa su un motore cognitivo il quale, comprendendo i concetti affrontati, permette di simulare una conversazione vera e propria, uscendo dagli schemi logici preimpostati di domanda/risposta tipici della Chatbot.

Quindi un assistente virtuale è molto diverso da un chatbot. Fin dall’inizio, la tecnologia degli assistenti virtuali ha permesso loro di essere utilizzati per applicazioni sofisticate come pure molto semplici, ad esempio svolgere compiti o fare ricerche e confrontare prodotti, oltre a molte abilità.
Importante è la loro capacità di comprendere il linguaggio naturale, che consente di ricevere comandi vocali complessi in varie lingue e dialetti. I ricercatori dell’Università di Stanford hanno pubblicato un recente articolo sul Natural Language Processing (NLP), spiegando come migliorerà notevolmente la comprensione dei dialetti regionali, dello slang o del modo naturale di parlare.

Quando si parla di Natural Language Processing intendiamo l’elaborazione automatica del linguaggio umano mediante l’analisi delle sue varie componenti (entità): traduzioni, sentiment analysis, generazione automatica di testi e chatbot sono alcune tra le problematiche più comuni nel campo.

Così, i chatbot si sono evoluti rispetto ai primordiali e possono svolgere più funzioni grazie alla loro capacità di comprendere il linguaggio. L’uso di alberi decisionali, ad esempio, rende molto più facile scoprire l’intento preciso che sta dietro le richieste degli utenti, ampliando ulteriormente la sua utilità per il cliente e dunque per l’azienda, che può leggere meglio le richieste della clientela e prendere decisioni per il miglioramento del prodotto o servizio.

Particolare notare come in corrispondenza della rapida diffusione dei social network si è assistito al passaggio dell’utente da semplice fruitore di notizie a “protagonista attivo” e costantemente operativo, sempre più coinvolto nella produzione di contenuti propri come nella modifica di esistenti e in attività relative ad acquisti e vendite di oggetti e servizi – siamo nei primi anni del XXI secolo -, unitamente all’informatizzazione dei processi aziendali.

In questo contesto, l’importanza dell’Intelligenza Artificiale passa per l’applicazione di nuovi approcci, che integrano l’elaborazione del linguaggio naturale con gli algoritmi di apprendimento profondo (deep learning), producendo risultati straordinari in differenti scenari applicativi.
Dal 2011, l’NLP fornisce soluzioni per analizzare la struttura sintattica del testo (es. nome, verbo, aggettivo), identificando entità e classificandole in categorie predefinite, ricostruendo la struttura sintattica e la semantica tramite il significato delle parole, anche relazionato al contesto e alle modalità di utilizzo (ad es. ironia, sarcasmo, sentimento, umore), classificandolo in categorie predefinite (ad es. sport, geografia, medicina) o sintetizzandone il contenuto. Differenti problemi di NLP sono stati affrontati mediante un algoritmo basato sul deep learning , mostrando prestazioni via via migliori rispetto ad altre modalità di approccio; tecniche di NLP basate su deep learning stanno trovando sempre più applicazione riguardo lo sviluppo di sistemi conversazionali in grado di emulare il dialogo umano, di rispondere a domande su diversi argomenti. [cit. www.agendadigitale.eu]

Google Search scopre le reti neurali

(giovedì 31 ottobre)

E’ di questa settimana la notizia di un nuovo scossone all’algoritmo di ricerca di Google, una novità radicale che va ad impattare sulle ricerche vocali che costituiranno una fetta importante nelle ricerche online. Basandosi cioè sullo studio e l’applicazione delle reti neurali, il colosso di Mountain View sta implementando il motore di ricerca Google Search con una nuova tecnologia denominata BERT (Bidirectional Encoder Representations for Transformers), una tecnica che permetterebbe di analizzare una frase nel suo insieme e nel contesto in cui viene utilizzata, e non come finora analizzando ogni elemento a sé stante, in modo da comprendere meglio il significato delle richieste che si fanno online ed evitando così di fornire risultati piuttosto approssimativi.

Google afferma che il nuovo sistema potrà offrire un servizio migliore, soprattutto quando vengono utilizzate intere frasi come chiavi di ricerca. Finora infatti il motore di ricerca ha sempre avuto alcuni problemi con le ricerche più lunghe: nella maggior parte dei casi fornendo dei risultati generici, basati solo su alcune delle parole chiave utilizzate.

Al momento il sistema funziona solo in inglese ed è limitato agli Stati Uniti.

Con l’ausilio di questa nuova tecnologia, si stima un miglioramento delle ricerche online del 10%, andando a colpire in modo significativo in particolare l’ordine dei risultati.

L’avvento della tecnologia BERT è stata anticipata da altri tentativi di avvicinamento all’AI, con un orientamento più votato a cogliere umori ed emozioni del ‘linguaggio naturale’: Tay di Microsoft e i tentativi tramite chatbot conversazionali ne sono esempi, peraltro non sempre azzeccati negli ntenti_.

Google BERT non sostituisce Rankbrain, il primo metodo (datato 2015) di intelligenza artificiale di Google per migliorare la comprensione delle parole; piuttosto lo supporta nel compito. BERT aiuta Google a capire cosa intendono le persone quando digitano determinate parole per formare long tail keyword.


Si può affermare che l’intelligenza artificiale compie progressi importanti ogni giorno che passa: così, le applicazioni non fanno che migliorare notevolmente le performance nel riconoscimento delle forme di linguaggio parlato come pure le tecnologie di riconoscimento facciale e comportamentale delle persone. Ma mai come in questo caso vale la pena non andare di fretta; proprio questo tipo di applicazioni dell’AI implicano un procedimento non sempre lineare e privo di problemi legati all’approccio della macchina al ‘parlato’.

Siamo quindi vicini a sostenere una piacevole conversazione con automi artificiali? Occorre procedere con una certa prudenza per ragioni di varia natura.

Il lavoro di SEO copywriting è coinvolto. I modelli BERT, dunque, considerano il contesto di una parola e non il termine isolato. Passaggio importante per capire l’intento di ricerca che sta dietro a una query consentendo alle macchine di ottenere una migliore elaborazione del linguaggio naturale (NLP).

Ma questo era già chiaro, Google BERT non fa altro che avvantaggiare i contenuti di qualità.