Perché l’Email Marketing è meglio del Social Media Marketing ?

(lunedì 6 luglio)

Fra le tecniche di marketing online (‘Affiliate marketing’, ‘Email marketing’, ‘Social Media Marketing’, ‘Content marketing’, ‘SEO’, ‘Influencer marketing’, Viral marketing’) se ne può apprezzare una che si dimostra particolarmente efficace quanto a tempi di risposta.

L’Email Marketing è tutt’oggi, e probabilmente lo sarà per molto tempo ancora, il canale primario di lead generation utilizzato dalla maggior parte delle aziende perché garantisce un ritorno d’investimento sicuro e “in tempi celeri”.

Valore indiscutibile del marketing online è di riuscire a raggiungere un pubblico potenzialmente ampio e, dati alla mano, questa tecnica è una “cassaforte” all’uopo.

L’email marketing consiste in tutte quelle attività che prevedono l’invio di messaggi di posta elettronica, commerciali e/o promozionali, al fine di acquisire nuovi clienti nel pubblico, fidelizzare quelli che si hanno già e spingerli con un invito (call-to-action) a eseguire un’azione (es. acquistare un prodotto, utilizzare un servizio, etc.). Il che è poi il processo del funnel.
Ricorrendo alla tecnica dell’email marketing comunque, bisogna fare attenzione a non cadere nella pratica dello spamming, ovvero l’invio assillante e continuo di messaggi pubblicitari: questo potrebbe infastidire gli utenti e produrre risultati negativi rispetto alle intenzioni.
Per inviare messaggi pubblicitari è possibile utilizzare vari servizi, ad esempio i famosi MailChimp e CleverReach, i quali offrono strumenti avanzati nella gestione dei messaggi e per effettuare campagne di marketing.

Si può parlare allora di un “primato” del marketing online alias Web Marketing ? Potrebbe essere, guardando alle consuetudini dell’utente medio, sempre più fuori casa e connesso per necessità ad internet e ai dispositivi mobile per trovare risposta alle sue necessità (approfondimento).

Altra voce importante nel panorama del marketing online e che trova sempre più riscontri con il proliferare dei social network è il social media marketing (SMM). Il suo successo dipende principalmente dal fatto che permette alle aziende e ai clienti (= utenti interessati) di interagire fra di loro.
Questo offre dei benefici per ambedue i soggetti: da una parte le aziende hanno la possibilità di condurre campagne di marketing mirate, scegliendo il pubblico (target) da raggiungere; dall’altro i clienti possono esprimere liberamente le proprie opinioni su un certo prodotto o un servizio con le recensioni. Sui social network è possibile promuovere i propri prodotti e servizi a pagamento, avviando campagne pubblicitarie mirate, che permettono di selezionare il pubblico che si vuole raggiungere, aumentando in questo modo le probabilità di rendere visibili i post a persone realmente interessate al contenuto proposto. I social media sono fortemente associati a una strategia dei contenuti, solitamente di tipo organico (cioè non a pagamento), impensabile in una strategia di Marketing Digitale (che non includa cioè anche la pubblicità a pagamento). Mentre una campagna di Marketing Digitale si realizza in vari modi (pubblicità su Internet, annunci per cellulari, TV, SMS e così via) una strategia di Social Media Marketing rimane sempre e comunque circoscritta all’ambito dei social.

Non deve trarre in inganno che il solo “mettersi sui social media” significhi che così si sta già facendo Marketing Online e che tutto si esaurisca lì: nient’affatto ! I social media sono, infatti, una delle tante attività che è possibile fare nell’ambito del più ampio gruppo di azioni dell’Online e Digital Marketing. Quindi, è solo mediante l’ausilio di determinate tecniche – SEM, e-mail marketing, remarketing, pubblicità su canali o piattaforme digitali, pubblicità a pagamento – che si realizza l’effettiva promozione.

È più importante puntare nel Marketing Digitale o nel Social Media Marketing? Su cosa un imprenditore deve investire per far conoscere la propria attività e i propri prodotti ? La risposta è strettamente correlata alla tipologia dei prodotti e servizi che si intendono promuovere: a casi in cui una attività di SMM può essere più che sufficiente, se ne contrappongono altri che necessitano del supporto di una strategia di Digital Marketing efficace. Tutto dipende dal risultato che si vuole raggiungere e dalle ambizioni che si hanno. Va però notato che implementare il Social Media Marketing all’interno di una più strutturata strategia di promozione sul web garantisce maggiori probabilità di successo.

Anche se entrambe le strategie sono molto efficaci prese singolarmente se ben impostate ed utilizzate possono, integrate fra di loro, amplificare i risultati in maniera esponenziale. Questo suggerisce che, se si desidera migliorare il coinvolgimento del nostro pubblico aumentando i tassi di conversione, l’utilizzo dell’Email Marketing e la sua integrazione con i Social, ed in particolare con Facebook, potrebbe essere uno dei migliori percorsi da intraprendere.

Se un tempo la strategia di invio delle email consisteva semplicemente in un invio massivo della stessa email a tutti i contatti di una mailing list, oggi l’email marketing è una tecnica di digital marketing all’avanguardia, articolata, dinamica e altamente professionale.
La tecnica che utilizza l’email è la regina dei canali di marketing con un ROI cospicuo (3.800%). Le email permettono di accelerare il processo di conversione degli interessati in clienti e agevolano – come detto – l’interazione e la fidelizzazione.


Una sinergia fra le strategie di email marketing e social media marketing genera potenza e, quindi, risultati. Ad esempio, validi suggerimenti sono quelli di aggiungere le icone dei social network alle email, promuovere la presenza sui social del brand, promuovere il contenuto stesso delle email sui social, offrire incentivi (chiedere ai propri affiliati di invitare i loro contatti a mettere “Mi piace”sulla pagina dell’azienda in cambio di scontistica sugli acquisti).

“Sottile linea rossa” fra Web Marketing e Digital Marketing

(mercoledì 1 luglio)

Oggigiorno le dinamiche sociali, il livello di competitività tra le imprese, il modo di interagire stesso e le esigenze dei consumatori hanno sovvertito le strategie aziendali: il successo sta ora nella comunicazione digitale e nel rivolgersi in particolare in maniera efficace al proprio target (nel frattempo sempre più social, che si aggiorna tramite dispositivi mobile e il web).

Con alla base queste nuove esigenze e aspettative, due sono le tendenze “operative” già avviate da alcuni anni, settori in fermento da questo punto di vista: il Digital Marketing e il Web Marketing; ma cosa li distingue? è nato prima l’uno o l’altro ? In effetti, “una sottile linea rossa” sta tra i due termini che spesso vengono utilizzati erroneamente come sinonimi: operativamente, una sottile sfumatura infatti li distingue.

Possiamo affermare che il suffisso ‘web’ indica un sottoinsieme del Digital Marketing: quest’ultimo ingloba l’insieme di azioni e strumenti di promozione che hanno a che fare col digitale; pertanto, il ‘Web’ si conclude ne è una branca.
L’imperativo appare dunque non utilizzare più “Web Marketing” al posto di “Digital Marketing” e viceversa !
Tenendo presente la situazione attualizzata del mercato e delle dinamiche correlate, il Digital Marketing fa riferimento alle azioni messe in atto da azienda o professionista per pubblicizzare beni e/o servizi che hanno a che fare con il mondo del digitale (ad es. dalle offerte commerciali alle informazioni utili per fidelizzare i clienti).

Web Marketing fa riferimento alla sterminata varietà di attività del World Wide Web per raggiungere il comune fine di promozione e pubblicità di beni attività che, pur convergendo in sostanza tutte nel digitale, circoscrivono un ambito più definito: il web; quindi ad esempio fare web copywriting, seo, inbound marketing, leads, social media marketer è fare web marketing.

Fare marketing su Internet “Web Marketing” – all’interno di cui stanno strumenti anche innovativi – si può etichettare come “Marketing Online

(tradizionalmente qui rientrano: Affiliate marketing, email marketing, analytics, content marketing, SEO, influencer marketing, viral marketing). Sempre più aziende e associazioni si rivolgono a questa metodologia di marketing non solo perché risulta essere il modo più conveniente per connettersi con i propri clienti/utenti ma anche per attrarne di nuovi tramite opportune strategie di funnel e conversione _.

Investire semplicemente sui canali di comunicazione del web marketing non appare però esaustivo al fine di averne poi la padronanza: è opportuno conoscere i fondamenti per investire al meglio le proprie risorse e farsi conoscere dal proprio target per i prodotti/servizi offerti.

Definire il web marketing come “marketing applicato al web” è però limitato, non dà spazio alla sua varietà. Il web marketing è un insieme di strumenti, tecniche e metodologie di marketing utilizzati/e per la promozione di una marca e/o prodotti e servizi attraverso internet. Esso include l’uso di social media, motori di ricerca, blogging, video e email. Normalmente le attività di web marketing si traducono prima nella pubblicazione di un progetto web, poi nella realizzazione e promozione di un sito internet.
Il web marketing è destinato ad essere sempre più importante nei prossimi anni: come consumatori si prenderanno le nostre decisioni sempre di più online; si spende sempre più tempo in internet, ci intratteniamo sempre di più sui motori di ricerca, su mobile e sui siti web per ottenere ciò che vogliamo. Allora, un’azienda che vuole vendere i propri prodotti e servizi deve essere in grado di:
– intercettare i suoi possibili clienti su questi canali;
– online deve saper comunicare con loro per influenzare positivamente le decisioni, affinché acquistino prodotti e servizi di questa azienda.

I canali di marketing sono tutte le piattaforme, gli strumenti e le strategie a disposizione del business per comunicare con la loro target audience (“pubblico profilato”) allo scopo di vendere i propri prodotti.

Perché abbiano successo, le imprese devono saper scegliere il giusto “marketing mix” di strategie, ovvero attuare un’efficace comunicazione di marketing. I consumatori vogliono oggi brand di cui fidarsi, comunicazioni che siano personalizzate e rilevanti, e offerte ritagliate sui loro bisogni e preferenze.
Dal punto di vista delle PMI, assume particolare importanza per le micro-attività in quanto con azioni di marketing online anche queste possono intraprendere campagne di rispetto.
Rispetto al marketing tradizionale, il web marketing potendo contare su validi strumenti mediante cui monitorare in maniera pressoché costante l’attività consente ai web marketer di apprezzare in tempo reale cosa funziona ed eventualmente apportare correzioni alla strategia adottata.
Fare marketing oggi significa pensare una strategia per posizionarsi sul mercato e successivamente implementarla attraverso gli strumenti a disposizione.
Prima di cominciare a utilizzare qualunque strumento di marketing e decidere di investire in una qualsivoglia campagna, è indispensabile definire il proprio posizionamento sul mercato: la prima cosa da fare quindi è guardarsi intorno e cominciare un’analisi della nostra concorrenza.

I vantaggi del marketing online rispetto al marketing tradizionale:

Costi ridotti: usare internet per connettersi con il proprio target clienti è meno oneroso rispetto ad una promozione attuata tramite i media tradizionali.
Alta focalizzazione: il web marketing consente attraverso gli Analytics e altri tools di targettizzare i clienti non solo in base a caratteristiche demografiche, ma anche psicografiche ed emozionali (cioè sulla base di interessi, valori, caratteristiche personali ecc.).
Analytics: il web marketing facilita il conseguimento di risultati statistici senza il sostenimento di costi aggiuntivi.
Opzioni multiple: gli strumenti di advertising sono diversificati e includono pay-per-click advertising, email marketing e integrazioni di ricerche locali (come Google Maps).


Per contro, il Digital Marketing è il ramo del marketing che, volgendosi prevalentemente su internet attraverso siti, canali web e social e piattaforme di e-commerce studia il mercato, il comportamento e l’interazione degli utenti.
Differisce dal marketing tradizionale perché consente la promozione online di prodotti ispirandosi a principi di comunicazione pubblicitaria.


Il Digital Marketing comprende diverse branche come Content Marketing, SEO, SEM, DEM, Social Media Marketing e E-Commerce Marketing ed è oggi considerato il settore maggiormente in crescita sia in termini di fatturato che di posizioni lavorative generate ogni anno.

Avere una strategia di marketing efficace è fondamentale per riuscire a posizionarsi sul mercato sapendo di avere a disposizione strumenti sempre più oculati.

Esiste una sterminata varietà di strategie di marketing online che possono essere adottate. Prima che queste diventassero fruibili ai più e disponibili, un business poteva essere attuato a fronte di pubblicità e sponsorizzazioni, dunque era necessario fare un investimento per poterle attuare. Oggi basta disporre di un computer, una connessione a internet e ambizione per arrivare a dei risultati !
Un esempio è offerto dai Social: prima del loro avvento, poter comunicare in modo rapido con altri Paesi quando non altre parti del mondo era inimmaginabile. Il social media marketing consente invece di crearsi una rete di relazioni commerciali con una minima spesa.

Il 2020 ha messo a disposizione alcune strumenti tramite cui poter fare marketing gratuitamente, a fronte della varietà dei canali a disposizione: i Social Media (strumento ideale per avviare un’attività e tramite cui riuscire a realizzare una vera e propria connessione con il target di riferimento), gli Influencer marketing (collaboratori per la promozione del business, consapevoli di poterlo diffondere tramite i propri follower, e che poggia sull’importante leva delle recensioni e opinioni – cosiddetta prova sociale -), il Content marketing (cioè il processo che va dalla pianificazione alla pubblicazione e redistribuzione di contenuti interessanti e coinvolgenti per i proprio target), la spinta della Search Engine Optimization strategia di marketing utilizzata per cercare di posizionarsi nei primi posti delle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP) facendo leva sull’interesse per i contenuti pubblicati, l’Email marketing, strumento completamente duttile e controllabile di pubblicità, che nonostante la sua non giovane età consente ancora di ottenere buoni ritorni d’investimento.

Fra le strategie di marketing in generale si sta facendo strada il concetto di prossimità.

Strategie di marketing in sintesi

Social Media Marketing

Scegli solo alcune piattaforme di social media su cui concentrarti.
Assicurati che ampia parte della tua target audience interagisca su questi siti.
Le relazioni sono più importanti delle vendite.
Sii consistente con il tuo programma di social media.
Influencer Marketing

Crea un’offerta allettante: cosa ci guadagnano?
Assicurati di ricercare gli influencer in modo approfondito prima di avviare collaborazioni.
Attieniti agli influencer più piccoli, per iniziare.
Sii proattivo e contatta diversi influencer.
Sviluppa relazioni a lungo termine con gli ambassador.
Content Marketing

Concentrati sulla produzione e la condivisione del valore.
Intrattieni il tuo pubblico o insegna loro qualcosa.
Riutilizza i contenuti per diversi canali e piattaforme.
Investi nel lungo termine.
Search Engine Optimization

Ricerca parole chiave efficaci che il tuo target di riferimento sta già cercando.
Ottimizza il tuo sito web e i contenuti per queste parole chiave.
Aggiorna e rinnova continuamente i vecchi contenuti per garantire che rimangano pertinenti.
Email Marketing

Crea un lead magnet avvincente per indurre le persone ad iscriversi alla tua mailing list.
Segmenta la tua mailing list in gruppi in modo da poter prendere di mira strategicamente le persone in diverse fasi del percorso dell’acquirente.
Inizia utilizzando modelli di email efficaci per risparmiare tempo.

Come fare marketing online: 11 strategie in un’infografica

Un pioniere dell’informatica dei giorni nostri

 

Un’immagine di Larry Tesler

Ai più il nome non dirà granché. Eppure Lawrence Gordon Tesler alias Larry Tesler (1945 – 2020) può essere considerato uno dei pionieri dell’informatica moderna, fautore di importanti innovazioni che senz’ombra di dubbio ‘hanno lasciato il segno’. Scomparso da pochi mesi, informatico americano a cui si deve l’intuizione di una importante funzionalità – eredità fondamentale dell’informatica moderna – che si ritrova su qualsiasi computer: fu infatti l’inventore del (taglia) copia/incolla che rappresenta oggigiorno un’azione basilare compiuta svariate volte al giorno da chi si trova davanti ad una tastiera.

Laureato in informatica al’università di Stanford, dopo essersi interessato – uno dei precursori – all’intelligenza artificiale, entrò nel prestigioso Xerox Palo Alto Research Center (Parc), centro di ricerca che diverrà altisonante negli anni successivi per la storia dell’informatica, dove rimase fino al 1980.

Se la storia di Tesler si intreccia a diverse tappe significative dell’informatica è grazie proprio alla sua collaborazione con il PARC.
Quando fece il suo ingresso nel 1973, al laboratorio Xerox si era cominciato a lavorare su soluzioni software finalizzate a migliorare – e semplificare – l’utilizzo delle macchine.
Appena due anni dopo il suo arrivo, insieme al collega Tim Mott, Tesler sviluppa un programma di videoscrittura, denominato Gypsy, per spostare porzioni di testo da una parte all’altra senza doverli riscrivere ogni volta, all’interno del quale vennero integrate le funzioni copia e incolla insieme ad altre altrettanto popolari come, ad esempio, la ricerca e la sostituzione delle parole, non immaginando che ciò avrebbe rivoluzionato i decenni successivi. Intuendo la complicazione di dover riscrivere ogni volta i comandi, di dover ricorrere a complicate combinazioni di tasti per eseguirli, ecco che Tesler inventò un modo più semplice per copiare porzioni di testo. Inoltre, fu lui stesso a proporre che fossero utilizzate le parole “copia” e “taglia” per copiare un testo – rimuovendolo – e “incolla” per il passaggio successivo, tramite cui il testo viene riprodotto altrove. La nuova funzione fu introdotta nei sistemi di videoscrittura realizzati al PARC a partire dal 1974, senza che i loro ideatori avessero una chiara idea della portata dell’invenzione.

Era nata la cultura del “cut & paste”, termine con cui si fa riferimento a quel lavoro di “sporcarsi le mani” e che porta a trafficare con pezzi di contenuti, a rimontarli, modificandoli e/o sostituendoli, in una rapidissima successione.

Sempre negli anni Settanta, partecipò alla realizzazione dello Xerox NoteTaker, uno dei primi computer portatili. All’epoca l’idea di andarsene in giro con un computer poteva apparire un pò bizzarra; comunque Tesler e colleghi cercarono di perseguirla con una certa ostinazione ma senza però avere fortuna. Xerox decise allora che fosse più saggio concentrarsi sullo Xerox Alto, accantonando così l’altro progetto.

 

 

 

 

 

 

 

Ma Larry Tesler è stato anche il primo a usare un computer portatile su un aeroplano e poi a dimostrare a Steve Jobs un sistema grafico fatto di simboli e icone che avrebbe cambiato radicalmente negli anni a venire il concetto di informatica.

Uno dei suoi incontri fondamentali è avvenuto nel 1979, quando Steve Jobs andò a visitare il Parc e rimase affascinato dai progetti di ricerca di Tesler, tanto che decise di riprenderli per i primi prodotti Apple.
“Siete seduti su una miniera d’oro! Non ci posso credere che Xerox non se ne sia avvantaggiata” – fu un suo commento lungimirante a seguito delle sue visite al Parc: una grossa lacuna dello Xerox Parc fu di non voler convertire queste tecnologie in qualche prodotto, passando dunque da ricerche di base a prodotti industriali.

 

Dopo la fine dell’esperienza lavorativa presso Xerox, nel 1980 Tesler aveva deciso di andare a lavorare proprio alla Apple di Steve Jobs, dove rivestì anche ruoli di prestigio (Steve Wozniak, all’epoca uno dei punti di riferimento per l’informatica a Palo Alto oltre che stretto collaboratore di Jobs). Apple frattanto aveva ripreso buona parte delle idee denotate al PARC per progettare i suoi primi computer, rendendo un successo commerciale le interfacce grafiche e il mouse. Negli anni seguenti Jobs avrebbe ammesso più volte, non senza ironia forse, di avere tratto grande ispirazione dal lavoro di Tesler e dei suoi colleghi.
Il comando introdotto venne incorporato nel software Apple sul computer Lisa: era il 1983 e, da lì a qualche anno, venne inserito sul primo Macintosh.

Larry Tesler, from Apple Computer, speaks at the annual PC Forum, Tucson, Arizona, 1990. (Photo by Ann E. Yow-Dyson/Getty Images)

Nell’azienda della mela è rimasto per ben 17 anni, fino al 1997. Proprio negli anni Novanta, Larry Tesler aveva collaborato allo sviluppo di Newton, una specie di palmare che può essere considerato l’antenato dei tablet che usiamo oggi. Per il nuovo prodotto furono pensate innovazioni di vario tipo, alcune delle quali però troppo ambiziose per poter essere facilmente realizzate con i componenti disponibili all’epoca. Newton non ottenne un particolare successo e, per stessa ammissione di Tesler, finì per sottrarre risorse importanti ad Apple che iniziava a registrare seri problemi a sostenersi economicamente.

Ancora, un chiodo fisso nella sua carriera è stato sostenere il concetto di disporre di interfacce facili da usare: una caratteristica per lui fondamentale quando si parla di usabilità di un sistema informatico. Non a caso utilizzava spesso l’espressione “What you see is what you get” (ciò che vedi è ciò che è, https://www.ilpost.it/2020/02/20/larry-tesler-inventore-copia-incolla-morto/). Oggi possiamo applicare questa filosofia – WYSIWYG – anche per le pagine web, ad esempio.

Sempre nell’ottica di semplificare la vita all’utente, altra fissazione era l’abolizione delle finestre modali.
Per tutta la vita avrebbe condotto una sorta di crociata personale contro i sistemi modali, come ad esempio le finestre che si aprono mentre si utilizza un programma e che necessitano di un’azione per poter tornare alla finestra su cui si stava lavorando. Addirittura, era così fissato sul “modeless” da avere la targa personalizzata della sua automobile che diceva “NO MODES”.

Tesler può essere considerato tra i pionieri dell’informatica moderna: come visto, partecipò all’ideazione di uno dei primi programmi con interfaccia grafica per scrivere testi ed ebbe il “privilegio” di illustrare a Steve Jobs l’usabilità di un sistema grafico di simboli e icone cosa che avrebbe cambiato per sempre l’informatica; fu il primo a usare un computer portatile su un aeroplano.

Nel 1997, Tesler lasciò Apple e fondò una piccola azienda di software specializzata nello sviluppo di sistemi per diffondere i linguaggi di programmazione nelle scuole. La società durò poco meno di dieci anni, ma nel frattempo Tesler aveva stretto un accordo con Amazon, dando un importante contributo nel miglioramento dell’interfaccia del sito per fare acquisti online.

Lasciata Amazon nel 2005, lavorò per qualche periodo in altre società della florida Silicon Valley, come quella del motore di ricerca Yahoo!.

Riflettendo sull’idea di rendere i computer più facili da usare in un momento storico in cui non si sapeva bene cosa farsene di un PC, una volta Tesler disse: “Ero nato per quella cosa ed è stata una fortuna essere al posto giusto nel momento giusto”.

Il modello D2C come nuova soluzione di e-commerce

(sabato 2 maggio)

Oggigiorno è strategico per commercianti e aziende avere un sito e-commerce, per allargare il proprio business e guadagnare eventualmente nuovi segmenti di clientela; non averlo significherebbe rimanere svantaggiati rispetto alla concorrenza.

B2B2C Business to Business to Customer

Avviando un‘attività online ci si accorge subito che esistono diverse tipologie di e-commerce, designate con delle sigle. Questi acronimi hanno significati precisi che delineano la tipologia di business online. La diversificazione si basa su chi coinvolgiamo nel nostro piano di commercio elettronico. La transazione avviene con singoli soggetti o con altre aziende.


Schematicamente , parlando di “E-commerce” identifichiamo due soggetti distinti “B”, il business, che è l’azienda ossia il produttore, e “C”, il consumatore, il cliente finale privato come partita IVA. L’ultimo modello – di cui si parla nelle prossime righe -introduce un ulteriore connotato “D” il quale può essere ricollegato comunque al soggetto rivenditore.

Sul piano economico, si parla oggi più che mai di e-commerce e ancor più della sua vitalità e importanza nel futuro prossimo, quando le attività riprenderanno.
Una argomentazione che sta prendendo piede nel settore è quello del “D2C” (Direct to consumer).
Ennesima strategia di web marketing che riflette le tendenze attuali di mercato, riguarda i rapporti commerciali in cui la parte del “Business” è svolta da un pool di produttori rappresentati da una sola figura come “Rivenditore”.
Si tratta di un fenomeno che ha investito una fetta del mercato dell’ecommerce, seppur ancora allo stadio embrionale pertanto non molto diffuso.


Attualmente il “Direct-to-Customer‘ si è affermato coinvolgendo determinati settori come quello della moda ma anche del food i cui operatori, osservando le dinamiche oggigiorno incerte del canale della distribuzione, hanno guardato allo strumento dell’ecommerce ottenendo risultati rilevanti.

Il periodo “up” è stato favorito dall’impossibilità di Amazon (“la grande distribuzione” per eccellenza ai tempi del Coronavirus) di far fronte a tutte le richieste per cui una fetta dei consumatori si è rivolta a marchi minori i quali hanno così accentuato il D2C. Da alcuni anni il colosso cogliendone le potenzialità sta convincendo le sue imprese a convertirsi per diventare D2C.

Il mondo dell’e-commerce ci ha abituato a dover masticare diverse sigle, acronimi delle parti coinvolte nel rapporto commerciale: B2B, B2C, C2C, C2B:

B2B : “Business to Business”, a volte scritto BtoB. Con B2B si intendono tutti quegli ecommerce che vendono i loro prodotti a degli intermediari che poi venderanno al consumatore finale. L’ eCommerce business to business riguarda commerci elettronici tra aziende. È il giro d‘affari online più importante.
B2C : “Business to Consumer” anche questo a volte abbreviato con BtoC. In questo caso il modello di vendita è da azienda a consumatore finale, dove per consumatore finale non si intende solo il privato ma qualsiasi azienda è colui che utilizzerà il prodotto. È la tipologia di e-commerce più diffusa e conosciuta anche grazie a grandi aziende come Amazon. La sua diffusione continua ad apprezzarsi con il crescente utilizzo di internet. Non si traduce come ‘vendita al privato’: B2C significa che la vendita viene fatta all’utilizzatore finale (consumatore) sia esso azienda o privato.
La differenza fra le due tipologie descritte è sottile perché nel B2B le aziende vendono ad altre aziende (è intrinseca in questo caso una “doppia responsabilità”), B2C è il modello in cui le aziende vendono al consumatore (utilizzatore finale), a prescindere che sia partita IVA o privato.

Oltre questi schemi, che vengono adottati da una larghissima fetta del mercato (oltre il 90%), esistono poi altri modelli:

C2C : “Consumer to Consumer“, l’utilizzatore finale viene messo in relazione con un altro utilizzatore finale. Ad esempio buona parte delle transazioni che vengono fatte su eBay sono C2C. Tra le tipologie di e-commerce è uno dei più recenti. Nato grazie ai siti delle aste online, i siti c2c gestiscono l’”ambiente” dove gli utenti interagiscono per comprare online. È un modo facile e veloce per acquisire un prodotto necessario da un altro utente che non ne ha bisogno. La possibilità di risparmiare nel comprare e nel guadagnare sono le attrattive maggiori dell’e-commerce c2c.
C2B : Modello particolare, in cui sono i consumatori finali a offrire servizi alle aziende. Sono i consumatori a stabilire il prezzo del prodotto o servizio e le aziende possono accettarlo o rifiutarlo. Un esempio è quello dei portali di crowfounding, i siti che offrono la possibilità alle aziende di chiedere dei soldi direttamente agli utenti finali. L’e-commerce consumer to business è meno diffuso, meno conosciuto e ancora in crescita e non è sviluppato come le tre tipologie di e-commerce appena viste.

Quasi tutte le piattaforme e-commerce nascono per il B2C ma si adattano alle esigenze di mercato. E’ molto importate però avere le idee chiare sulle funzionalità che servono nella fattispecie in modo da potere capire se le soluzioni disponibili fanno al proprio caso o se è più opportuno ricorrere ad una soluzione personalizzata con conseguente aggravio dei costi.

Se il B2C è allora la forma più tradizionale del commercio elettronico, un processo per la vendita di prodotti direttamente ai consumatori, nel D2C, che si può definire come derivato da esso, senza oltrepassare o offendere la rete di rivenditori, Il produttore ha la garanzia di mantenere la vendita dei prodotti/servizi ma indirizza i consumatori verso i rivenditori predeterminati.

L’ora dell’e-commerce di prossimità

(giovedì 23 aprile)

In questi giorni di pandemia che ha investito in lungo e in largo il nostro quotidiano e i nostri usi finanche colpire in modo massiccio il commercio, tutti stiamo ora guardando al prossimo passaggio alla fatidica “Fase 2”, vale a dire uno spartiacque per contingentare le limitazioni sinora poste.
Dopo un primotempo di misure restrittive imposte da quasi due mesi, si assisterà cioè, a parte alcune eccezioni produttive che seppur a piccoli passi hanno ripreso questa settimana, ad un allentamento delle restrizioni come tutti sappiamo dal prossimo 4 maggio, mentre tutto il mondo del commercio e le attività imprenditoriali sono in fermento per la ripresa.

Ma, dal punto di vista strettamente del commercio, con un particolare riferimento al mondo digitale, cosa succederà ? Senza dubbio, l’adozione dello strumento digitale segnerà il passo per le aziende in questo momento (e già anzi ce ne siano ben accorti in queste stesse settimane): le attività che si sono avvicinate o hanno già abbracciato la digitalizzazione saranno senz’altro più di una spanna avvantaggiate rispetto a quelle che viceversa non hanno saputo o voluto allargare il proprio orizzonte come “business”, rimanendo ancorate al commercio tradizionale come lo si conosce, privilegiando perciò la vendita al dettaglio.

Il commercio online, specie in questo momento che stiamo attraversando, si è rivelato per molte categorie del commercio l’unico modo per limitare il collasso degli ordini.
Oltretutto, un altro ruolo determinante sarà giocato dalla prossimità (vicinanza) di un’attività, con i suoi beni e/o servizi (‘il negozio è online ma è come se fosse sempre sotto casa’), unendo le comodità dell’e-commerce unite ai vantaggi della vendita tradizionale.

Per e-commerce di prossimità si intende il progettare una rete di collegamenti capace di consolidare i rapporti commerciali fra vari partner e, soprattutto dall’altra parte, con i clienti territoriali appannaggio del commercio al dettaglio. Un esempio di e-commerce di prossimità potrebbe essere quello di un sito che consente di prenotare online un prodotto, per poi concludere la transazione legata all’acquisto direttamente nel negozio fisico di preferenza del cliente. E i vantaggi continuano anche dopo la vendita, con una gamma di servizi e una specifica assistenza che il rivenditore scelto offrirà al cliente.

Avviare un e-commerce di prossimità produce alcuni importanti vantaggi:

– fidelizzazione della clientela, che non è più costretta a recarsi presso il punto vendita per visionare prodotti, prezzi e promozioni. Con un clic, i clienti possono sfogliare l’intero catalogo e scegliere il prodotto che cercano, prenotarlo e concludere poi la transazione nel mondo fisico;
– ottimizzazione degli investimenti e dello stoccaggio di magazzino;
– soddisfazione dell’utente e contemporanea realizzazione di un punto di contatto e supporto sempre attivo per i clienti.


Diffusosi in Italia come strategia di marketing da pochi anni, l’e-commerce di prossimità quindi si realizza mettendo in piedi un sistema che si basi su un equilibrato utilizzo di strategie e tecnologie tipiche dei settori della vendita online e offline.
Se questa è la teoria, operativamente, tramite l’implementazione di alcune tecnologie specifiche, è necessario un allineamento fra l’esperienza di vendita nel mondo fisico e quella nel mondo virtuale e tale allineamento può essere realizzato attraverso determinate metodologie:

Beacon per inviare segnali e messaggi promozionali al cliente che accede nel punto vendita (necessaria la coesistenza e l’attivazione di un’altra tecnologia, il bluetooth), e che permette di realizzare campagne di marketing di prossimità all’interno dei negozi;
QRCode per offrire al cliente maggiori informazioni sul prodotto, consultabili direttamente dai display dei propri dispositivi mobile;
NFC (Near Field Communication) per gestire pagamenti, acquisti e spedizioni.

Il segreto che tiene a battezzo questo ecommerce di prossimità non risiede tanto nella tecnologia che viene utilizzata, quanto nel saper dare la giusta valenza esperienziale che sta alla base del commercio al dettaglio.

Ecco come funziona: l’utente cerca un prodotto, si informa e acquista sul web dal suo rivenditore di fiducia o quello più comodo. Poi ritira il prodotto direttamente nel punto vendita da cui lo ha acquistato. E in più il valore aggiunto di poter essere seguiti da un servizio di assistenza e di supporto. Questo è l’e-commerce di prossimità: le comodità dell’e-commerce unito ai vantaggi della vendita tradizionale.

Quindi, il processo si può così schematizzare: CERCA > ACQUISTA ONLINE > RITIRA
Un esempio di ecommerce di prossimità sotto gli occhi di tutti è quello della spesa on line: il cliente sa che può disporre di un catalogo di prodotti dello shop dove si vuole recare, quindi gli basta ordinare ciò che vuole e poi passare in negozio per il ritiro della merce.

“Ogni fase del processo d’acquisto – che va dalla pubblicità e dalla promozione, passando per i servizi di prevendita fino all’acquisto vero e proprio e al pagamento, per culminare infine sul post vendita – può essere efficacemente supportata da iniziative di Proximity marketing”, afferma Marta Valsecchi, Direttore dell’Osservatorio Mobile B2c Strategy, Politecnico di Milano.
Fine è fidelizzare il cliente che si trova fisicamente all’interno del negozio, soddisfacendo pertanto a un suo intento di ricerca e invogliandolo così a tornare presso lo stesso punto vendita.
La possibilità di utilizzare lo smartphone in uno shopper è oggi un’occasione imprescindibile per invogliare i clienti e migliorare la Customer Shopping Experience. Un utente su tre sceglie cosa comprare cercando informazioni in mobilità, dal proprio smartphone o tablet, e una buona fetta è ormai venendo influenzata nelle scelte che farà.
Servizio geolocalizzato che si attiva quando l’utente si trova all’interno di un punto vendita, piuttosto che interagire con i clienti in un hotel o con i visitatori di un museo, il proximity marketing (in italiano marketing di prossimità) è un servizio di marketing che permette di gestire ed inviare, a determinati profili di clientela, contenuti personalizzati direttamente sullo smartphone mediante un’apposita app.

Primato alla Local SEO

All’ombra della SEO tradizionale, finalizzata a posizionare un sito a livello nazionale piuttosto che internazionale, dove verosimilmente capeggiano i colossi del commercio e i brand più blasonati del settore per mettersi online, e dunque posizionarsi risulta cosa ardua (ricordiamo che posizionarsi significa ottenere visibilità), sta una sua nicchia la quale al contrario si rivela essere una preziosa e proficua “arma” per le PMI (ma non solo, “se si guarda lungo”) affinché l’impresa possa farsi conoscere immediatamente sul territorio dove opera: la Local SEO (per il posizionamento del sito) a braccetto con la complementare Local Search, attività di ricerca limitata geograficamente . Si presenta come un’utile soluzione per un’impresa che intende farsi pubblicità nelle zone limitrofe e di cui oggigiorno non si può fare a meno.

La promozione locale su Internet è un’attività ancora sottovalutata quando addirittura non ignorata. La Local Search permette digitando una query su un motore di ricerca, di trovare già risultati nelle vicinanze, dando in questo modo visibilità sul territorio all’azienda che si promuove. In questo modo si differenzia dalla seo tradizionale perché non mira a un posizionamento nazionale, obbiettivo ardito e complicato per quanto detto sopra, bensì a ottenere visibilità nelle zone limitrofe.

La Local SEO può essere pensata come un sottoinsieme della SEO come la si conosce; unitamente alla Local Search, va a premiare il posizionamento locale su Internet.

Pare rispondere a un “predicato”: se avere una presenza online oramai è determinante per poter essere competitivi ecco che essa soddisfa l’esigenza del cliente/consumatore che, pur trovandosi fuori casa, sa di poter trovare informazioni in rete.

Non deve esistere più la grande distinzione tra offline e online, bensì pensare ad una strategia “omnichannel” che consenta una migliore e oculata integrazione fra i vari canali di comunicazione e vendita(del marketing).

Potenzialità è che la ricerca locale è in grado di intercettare un evidente “intento di ricerca” dell’utente, mentre nella ricerca normale si parte al contrario da un “intento informazionale” (vedi “funnel”), quindi generico.

L’affermazione della Local SEO è cresciuta di pari passo con la rapida diffusione conosciuta dai dispositivi mobile, che ha permesso l’affermarsi delle tecnologie che la supportano e la caratterizzano; va poi aggiunto che il progressivo incremento delle ricerche vocali, incentivate dalla mobilità del cliente, è stato un altro punto a favore per la Local SEO. A testimonianza di ciò, uno studio di Google conferma – ma non ce ne stupiremmo in considerazione dei nostri usi – che la forte crescita dei dispositivi mobile fa sì che siano sempre di più gli utenti che si rivolgono alla ricerca locale per far conoscere le attività. 

Trattasi di una tecnica di posizionamento che si basa sulla geolocalizzazione. Cosa vuol dire ciò ? Che la ricerca di beni/servizi trova soddisfacimento in funzione della posizione in cui l’utente si trova (la geolocalizzazione), rilevata dal proprio smartphone o tablet, dispositivi dotati di antenna GPS.

Provvedendo ad una ottimizzazione dei progetti per avere visibilità sul territorio, l’obiettivo sarà quello di farsi trovare nelle mappe e da qui incanalare i potenziali clienti direttamente all’interno della nostra attività.

 

Se la Local Search rappresenta uno strumento di marketing intelligente e funzionale che consente agli imprenditori di attirare nuovi clienti in loco, essa permette a chi fa una ricerca di trovare risultati nelle vicinanze.

La Local Seo (e di conseguenza il local marketing) consente di posizionare una impresa sui motori di ricerca, in modo che sia così visibile a chi cerca. Posiziona un’attività non a livello nazionale ma locale, consentendo così ad un’attività di essere maggiormente trovata.
Ai detrattori di questa prassi, si può obiettare che consente di ottenere visibilità “utile” sul territorio, utile perché potenzialmente premiata da una ricerca locale, in rapporto a dove si trova l’utente.

 

Pilastri per la versatilità di questo strumento (e di conseguenza la seo locale) sono la rilevanza o pertinenza dell’attività, cioè quanto una scheda “di presentazione” soddisfa l’utente che sta cercando, la distanza, con cui si indica quanto un risultato è distante da dove viene fatta la ricerca, e la prominenza o importanza la quale sta ad indicare quanto l’attività considerata è conosciuta in ragione delle informazioni presenti.

Per sfruttare le potenzialità offerte, risulta necessario rendere il proprio sito mobile friendly (il sito deve essere strutturato in maniera tale da poter essere visualizzato correttamente e consultato anche su mobile).

A monte però l’imprenditore per poter beneficiarne deve essere iscritto a strumenti come Google My Business (“contenitore” che riunisce i precedenti Google Place, Google Plus e Google Maps) il quale usa proprio le mappe di Google per informare sulla posizione della propria attività. Più informazioni così dettagliate e meglio organizzate tra di loro, unitamente ad una buona strategia di local search, consentiranno a Google di ‘spingere’ l’attività da promuovere.

Google My Business è l’anima della Local SEO. Strumento in continua evoluzione per soddisfare le esigenze, si tratta di una dashboard in cui inserire e modificare tutte le informazioni inerenti l’azienda: ragione sociale, indirizzo e telefono (questi tre campi costituiscono il cosiddetto NAP), tipologia dell’attività, orari d’apertura, ecc.: corredata eventualmente da specifici tag (snippet), ‘elementi evergreen’ della SEO, presentare una ‘vetrina’ ben curata nelle informazioni e che spinga il navigatore di turno a diventare utente.

Balza subito all’occhio quella che probabilmente è la più grossa potenzialità offerta da Google My Business: la visualizzazione dell’attività sulle mappe che, insieme alla diffusione esponenziale dei dispositivi mobile, ne hanno decretato l’affermazione.

Quando le mappe hanno fatto la loro comparsa arricchendo lo scenario della Local Search i SEO hanno dovuto attrezzarsi …. poiché trattasi di un settore in continua evoluzione che richiede di mantenersi aggiornati. Oggigiorno, merito anche dei progressi degli algoritmi di ricerca, questo è addirittura il primo risultato che capeggia nelle query di ricerca.

Che il mettersi online sia oramai una chiave di volta per le PMI lo dimostra anche una intervista a Mariangela Marseglia, country manager di Amazon per l’Italia, che non nasconde la sua preoccupazione per le piccole e medie imprese “solo per un terzo digitalizzate, e una su sette con un fatturato significativo online”; e ancora “ci sarà un salto avanti nell’e-commerce ed ecco perché è urgente che le imprese italiane recuperino il ritardo”.

 

Il posizionamento locale è venuto alla ribalta con il 2007, quando Google ha introdotto il ‘filtro’ della Universal Search grazie a cui le ricerche sono “effettuate a 360°” nel senso che sono integrate con audio, video, foto e mappe, tutto ciò che può essere considerato il “contesto” della nostra ricerca: ecco allora che la Universal Search ha sposato la Local Search 1  2, sostenuta da una crescita esponenziale del mobile.

Tre sono i fattori che progressivamente hanno contribuito ad accrescere l’importanza della Local Search (e quindi della promozione locale):

  1. lancio della Universal Search: stratagemma di Big G basato sull’interpolazione di più database per offrire tutti i contenuti possibili riguardo ad una ricerca – è significato un momento epocale per i risultati geolocalizzati – visualizzate tutte insieme, la Local SEO ha determinato una crescita esponenziale;
  2. sviluppo del Mobile: se l’avvento del mobile – con gli smartphone in particolare – è stato uno degli elementi a dare il LA alla geolocalizzazione, ancor più significativo in questi termini è stato il supporto nelle SERP delle mappe in quanto segnalano la presenza di un’azienda;
  3. Venice Update: l’esordio di questo nuovo algoritmo nel febbraio del 2012 – seguito da una miglioria con un update nel novembre 2013 -: ha determinato il primato dei risultati “locali” nelle SERP, un ulteriore incremento della promozione locale. Ora, Google non solo è in grado di rispondere a query di ricerca geolocalizzate per definizione (cosa questa sinora consentita dall’introduzione della Universal search) ma anche a query di ricerca a carattere generico.

Una parentesi va fatta sull’evoluzione degli algoritmi di ricerca, un affinamento al fine del miglior soddisfacimento dell’utente:

Venice Update (2012) migliora la localizzazione dei risultati (la ricerca è Local !). Pigeon (2016) migliora l’attenzione sulle imprese locali nel contesto di una ricerca. Possum (2016) privilegia la posizione dell’utente in rapporto ai risultati della ricerca. Hawk (agosto 2017) rappresenta una miglioria al precedente in quanto, se Possum dava visibilità fra le attività trovate solo a quella con miglior ranking, ora Hawk fa apparire anche le altre.

Strettamente collegato al mobile è il Local Marketing: consiste in una serie di strumenti di comunicazione e marketing aventi finalità di attirare clienti verso la propria attività accrescendone la notorietà: copre diversi fattori come Google My Business, Link Building, Ottimizzazione Seo On-page e Off-page, AMP, strumenti mediante cui sviluppare la propria presenza online.

Alla frase fatta “ma la SEO è morta” la risposta è solo e soltanto una: evoluzione. La local Seo è elemento tangibile di questa tesi. La SEO negli ultimi anni ha subito profonde modifiche che hanno fatto pensare addirittura a una sua prematura scomparsa; oggigiorno la SEO per poter dare riscontro della sua valenza deve essere supportata da attività complementari che prima potevano essere pensate come a sè stanti.

Dunque, una giusta alchimia di Local SEO e Local Search permette di definire una efficace strategia di Local Marketing.

Profilazione, Traffico Utenti e Filter Bubble

(giovedì 27 febbraio)

Per profilazione (in contrapposizione alla “privacy”) si intende la raccolta dei dati degli utenti nel momento in cui accedono ai siti per fruire (e ancor prima accedere) dei servizi offerti dagli stessi, la loro successiva elaborazione per la categorizzazione e successiva segmentazione degli utenti in base a vari criteri, inglobando sia dati personali sia dati cosiddetti “sensibili” trattati specificamente dalla normativa europea sulla protezione dei dati personali (GDPR).

Appare dunque come una sorta di automatismo che si presenta ogni volta che carichiamo un sito; la profilazione dei nostri dati, attraverso cui si passa quando accediamo a un qualsiasi sito internet, pare come una normale operazione cui ci troviamo davanti ogni volta che accediamo a un pc. Addirittura, può apparire come una sorta di lucchetto al sito: ‘O clicchi OK o il sito non lo vedi’ (leggi ‘se vuoi guardarmi gratis…‘). E fin qui, ok – direbbero i più, una mera operazione di “raccolta”.

Ma l’acquisizione dei nostri dati non si ferma qui, come potrebbero pensare in diversi, ad una banale operazione di “raccolta”.

Non è facile denotarlo una volta che si accede al browser ma facendo una semplice ricerca da un qualsiasi motore di ricerca – Google piuttosto che Safari – e a prescindere dal tipo di dispositivo che utilizzo – Apple o Android – in primo piano vengono visualizzati dei contenuti diversi, pur effettuando la medesima ricerca. Oggigiorno, qualsiasi motore nasconde diversi artifizi (es. geolocalizzazione, “lettura” delle abitudini) che “hanno il loro perché !” …, permettendo al motore stesso (e conseguentemente al business che ci sta dietro) di raccogliere delle informazioni su di noi – “dati tecnici” e “dati sensibili“, le nostre abitudini, i nostri gusti, ecc. permettendo di crearsi un “identikit” – a creare uno skilling della persona.

L’internauta dunque il più delle volte provvede a rilasciare le informazioni richieste “senza cognizione di causa” quasi, ignaro che dietro la profilazione dei dati si nasconde un’altra “arma” a vantaggio dei magnati proprietari del motore di ricerca: adottando cioè questa strategia il motore è in grado di proporci direttamente informazioni e contenuti secondo i nostri interessi e quindi, invece di andare all’esterno, mettendo a disposizione proprie risorse nelle ricerche effettuate di modo che le persone rimangono all’interno del motore stesso, e ciò aumenta il loro guadagno (leggi “traffico di utenti“).
Non sono solo le inserzioni pubblicitarie ad essere personalizzate sull’utente ma anche i contenuti che vengono proposti (‘ognuno di noi ha il proprio Internet‘): i risultati ottenuti non sono perciò uguali da me a Tizio a Caio: ‘Internet allora non è uguale per tutti !!’. Questa chiusura esercitata nei confronti del cliente che ne consegue favorisce la crescita del motore (‘Filter Bubble‘).

La profilazione si realizza tramite i cookies, mattoncini che raccolgono e tracciano ciò che abbiamo fatto quando eravamo sul sito (nonché i nostri dati), pertanto risultiamo “schedulati” quando si torna.
Questi piccoli pezzi di codice svolgono certamente delle funzioni importanti (cookies tecnici), ma ve ne sono alcuni intrusivi che tracciano dati sensibili mentre noi siamo sui siti internet (cookies di tracciamento) fra cui cookie maligni che cercano di rubare informazioni private dai computer degli ignari navigatori.

Abbiamo motori di ricerca che accolgono la profilazione dei dati – e sapere tutto quello che si fa – (Google, Bing, Yahoo, Virgilio, ecc.) altri come Ecosia, Qwant, DuckDuckGo, StartPage che al contrario permettono una “libera circolazione”: questi non tracciano un profilo da conservare, si rispetta privacy, è possibile una ricerca aperta (senza cioè essere spiati).

Esistono peraltro degli strumenti che permettono di non essere tracciati (ad es. attraverso il comando adsettings.google.com: possibilità di ATTIVARE/DISATTIVARE – ovvero tracciare – GLI ANNUNCI PUBBLICITARI; se digito google.com/locationhistory scopro i miei movimenti tracciati da Google).

https://www.iene.mediaset.it/video/google-motori-di-ricerca-ci-conoscono_698130.shtml

Primati di AI: Chatbot e Assistenti Virtuali

(19 febbraio)

In principio fu il mobile. Un settore che rapidamente ci ha imposto e abituato, con la sua crescita esponenziale, ad avere tempi di risposta sempre più rapidi dagli elaboratori, in un mondo pervaso dalla smanìa del “tutto e subito”, ma anche ad un continuo rincorrersi di artifizi e tecniche che soddisfacessero i nostri bisogni/desideri. Ebbene, anche a ciò l’informatica più avanzata ha saputo rispondere con le applicazioni dell’AI.

In particolare, a queste esigenze vengono incontro i cosiddetti “chatbots“. Si tratta di software piuttosto che dispositivi in grado di interpretare comandi vocali e interagire con le persone, in funzione proprio dell’Intelligenza Artificiale. Ne esistono di due tipi: i “chatbot” e gli ‘assistenti vocali” (o ‘virtuali”).


Un Chatbot è un software programmato che simula una chat: vale a dire, permette di ricreare una sorta di ambiente virtuale – ad es. una chat appunto – in cui un utente può confrontarsi per ottenere delle risposte . Può essere pensato come un programma in grado di ricevere domande e rispondere secondo specifiche; è strutturato come una alberatura domande/risposte che vengono effettuate in successione al fine di arrivare a una risposta. L’Assistente Vocale è invece basato su algoritmi intelligenti, mediante i quali si ottiene la comprensione di concetti precisi. A differenza del primo, entra in relazione con l’utente perché comunica con un “linguaggio naturale“, cioè comprensibile alla macchina; è un chatbot dotato di intelligenza artificiale, capace di rispondere anche a domande non previste.

Due applicazioni software che vengono utilizzati in disparati campi di applicazione – dalla casa al settore sanitario, alle applicazioni sulle automobili, ecc. -, e conseguentemente gli sviluppi che hanno seguito.

“La diversa interazione che si stabilisce con questi due differenti Virtual Assistant determina un diverso approccio alle due tecnologie: il chatbot è un software che può simulare una conversazione strutturata, e trova particolare applicazione nel settore ‘Customer Care‘ sostituendosi all’operatore umano; l’Assistente Vocale come detto altrove è una applicazione risultato di intelligenza artificiale e machine learning in grado di elaborare comandi vocali, che si può definire essenzialmente come un ‘aiuto nella quotidianità‘.

Quella dei chatbot in senso stretto è perciò una soluzione ideale nel campo dell’assistenza clienti dove è sempre più importante la qualità e la velocità del servizio.
Al contrario gli Assistenti Vocali (o Assistenti Virtuali) sono destinati ad un uso in larga parte casalingo, e il successo è apprezzabile nell’uso dispendioso che ne stanno facendo i consumatori i quali ben hanno accolto l’adozione dei comandi vocali, arrivando finanche ad assumere le sembianze di un umano con cui dialogare e addirittura in grado di risolvere possibili problematiche con un approccio empatico !

Diversità oramai latente a ben vedere. Se in passato, il chatbot poteva eseguire solo compiti specifici come una modifica della password o fornire informazioni sul tempo, al contrario dell’assistente virtuale in grado di offrire un ventaglio più ampio di risposte ricorrenti, i progressi che si sono ottenuti con la NLP (Natural Language Processing) e l’apprendimento automatico, hanno accorciato la forbice esistente tra i due: così, ecco che anche il chatbot in senso stretto viene ad essere una applicazione a cui rivolgere domande e ottenere risposte secondo specifiche fornite. “In futuro potremmo forse arrivare a parlare di un unico Assistente Virtuale, capace di integrare al suo interno soluzioni diverse che consentano diversi tipi di interazione, capaci in questo modo di andare incontro alle esigenze e preferenze di un numero maggiore di consumatori.”

La natura stessa dei chatbot delimita le loro capacità. Ogni chatbot è in un certo senso ancorato ad una funzione limitata: sono adatti ad applicazioni singole come il supporto clienti, il customer engagement o gli acquisti automatizzati. Non possono variare il loro vocabolario o acquisire un linguaggio così vasto da poter servire qualsiasi altra funzione, oltre a quella per cui sono stati progettati.
Come visto, vengono tendenzialmente usati per il supporto clienti (di qualsiasi natura, dal meteo fino ai consigli per i film) o per gli acquisti automatizzati (ad esempio per i biglietti del treno). Ancora adesso hanno difficoltà a ricordare le informazioni chiave durante le conversazioni. Viceversa gli assistenti virtuali dimostrano che possono memorizzare ciò che gli si dice, conservando le informazioni per uso futuro, risparmiando all’utente il tempo e la noia di riscriverle ogni volta. Dovessi chiedere info su un ordine o delle informazioni riguardo a modifiche da apportare, non ti chiederebbe di inviarle nuovamente.

“E’ importante che i Virtual Assistant rispecchino i desideri degli utilizzatori finali che, pur sapendo di stare interagendo con una macchina, preferiscono che questa abbia caratteristiche tipicamente umane, come la pazienza e l’empatia.”
“Umanizzare il più possibile l’Assistente e la modalità di interazione è dunque fondamentale per far sì che l’uso di questi software sia sempre più naturale e coinvolgente per gli utenti, elemento fondamentale per una reale diffusione di questa soluzione.” [rif.: www.vidiemme.it]

L’Assistente Virtuale è un’interfaccia di comunicazione che si basa su un motore cognitivo il quale, comprendendo i concetti affrontati, permette di simulare una conversazione vera e propria, uscendo dagli schemi logici preimpostati di domanda/risposta tipici della Chatbot.

Quindi un assistente virtuale è molto diverso da un chatbot. Fin dall’inizio, la tecnologia degli assistenti virtuali ha permesso loro di essere utilizzati per applicazioni sofisticate come pure molto semplici, ad esempio svolgere compiti o fare ricerche e confrontare prodotti, oltre a molte abilità.
Importante è la loro capacità di comprendere il linguaggio naturale, che consente di ricevere comandi vocali complessi in varie lingue e dialetti. I ricercatori dell’Università di Stanford hanno pubblicato un recente articolo sul Natural Language Processing (NLP), spiegando come migliorerà notevolmente la comprensione dei dialetti regionali, dello slang o del modo naturale di parlare.

Quando si parla di Natural Language Processing intendiamo l’elaborazione automatica del linguaggio umano mediante l’analisi delle sue varie componenti (entità): traduzioni, sentiment analysis, generazione automatica di testi e chatbot sono alcune tra le problematiche più comuni nel campo.

Così, i chatbot si sono evoluti rispetto ai primordiali e possono svolgere più funzioni grazie alla loro capacità di comprendere il linguaggio. L’uso di alberi decisionali, ad esempio, rende molto più facile scoprire l’intento preciso che sta dietro le richieste degli utenti, ampliando ulteriormente la sua utilità per il cliente e dunque per l’azienda, che può leggere meglio le richieste della clientela e prendere decisioni per il miglioramento del prodotto o servizio.

Particolare notare come in corrispondenza della rapida diffusione dei social network si è assistito al passaggio dell’utente da semplice fruitore di notizie a “protagonista attivo” e costantemente operativo, sempre più coinvolto nella produzione di contenuti propri come nella modifica di esistenti e in attività relative ad acquisti e vendite di oggetti e servizi – siamo nei primi anni del XXI secolo -, unitamente all’informatizzazione dei processi aziendali.

In questo contesto, l’importanza dell’Intelligenza Artificiale passa per l’applicazione di nuovi approcci, che integrano l’elaborazione del linguaggio naturale con gli algoritmi di apprendimento profondo (deep learning), producendo risultati straordinari in differenti scenari applicativi.
Dal 2011, l’NLP fornisce soluzioni per analizzare la struttura sintattica del testo (es. nome, verbo, aggettivo), identificando entità e classificandole in categorie predefinite, ricostruendo la struttura sintattica e la semantica tramite il significato delle parole, anche relazionato al contesto e alle modalità di utilizzo (ad es. ironia, sarcasmo, sentimento, umore), classificandolo in categorie predefinite (ad es. sport, geografia, medicina) o sintetizzandone il contenuto. Differenti problemi di NLP sono stati affrontati mediante un algoritmo basato sul deep learning , mostrando prestazioni via via migliori rispetto ad altre modalità di approccio; tecniche di NLP basate su deep learning stanno trovando sempre più applicazione riguardo lo sviluppo di sistemi conversazionali in grado di emulare il dialogo umano, di rispondere a domande su diversi argomenti. [cit. www.agendadigitale.eu]

Nell'era dell'Internet of Things

(martedì 4 gennaio)

E’ di trent’anni fa la nascita di una nuova “dimensione” per l’informatica, il frutto di una stretta sinergia fra sviluppo di applicazioni, elaborazione e comunicazione fra apparati diversi – alla stregua di quanto avviene normalmente fra personal computer, tablet e smartphone -: l’era dell’Internet of Things (IoT o IoC), un settore che seppur agli albori tramite soluzioni mano a mano più specifiche sta interessando sempre più il nostro quotidiano e le nostre abitudini, aprendo così ad un campo di applicazioni che è molto vicino a noi.

Internet of Things estende a “dispositivi robotizzati” la capacità di raccogliere, elaborare e scambiare dati tra di loro azioni tipiche dei computer, permettendo di migliorare monitoraggio, controllo e automazione degli stessi.

L’Internet delle cose beneficia degli sviluppi nei campi dell’elettronica e della comunicazione wireless per abilitare le capacità digitali e di comunicazione di elettrodomestici, telecamere, termostati, sistemi di fabbrica, veicoli, dispositivi wearable, ausili e sanitari.

Anche se non ce ne accorgiamo, perlomeno per chi è al di fuori del settore, l’Intelligenza Artificiale (AI) – in combinazione con il machine learning – sta prendendo sempre più piede anche nella nostra quotidianità.

Così, accanto ad applicazioni sempre più specifiche e complesse, l’AI fra le diverse applicazioni è entrata pure fra le mura domestiche con gli Assistenti Vocali: piccole apparecchiature (‘apparecchiatura elettronica’ la definirebbe un non addetto ai lavori) in realtà dispositivi che, basandosi sui fondamenti dell’Intelligenza Artificiale e del machine learning, permettono alle persone di interagire semplicemente tramite la voce, impartendo comandi, facendo loro compiere specifiche operazioni (chiedere informazioni di vario genere – es. la temperatura di casa, che ora o che giorno è – come la riproduzione di musica).
I più comuni assistenti vocali sono Alexa, l’Assistente Google e Siri.

Tutto questo è possibile grazie all’intelligenza artificiale ed al machine learning mediante i quali progressivamente con la commistione con altri protocolli quali ad esempio le reti wireless si potrà contare su assistenti vocali sempre più precisi; progetto è ancora agli albori e non presumibilmente sbrigativo.

Dal Digital Marketing si leva la crociata per la ‘Human Experience’

(giovedì 23 gennaio)

Da almeno due anni a questa parte il settore del branding e del marketing più in generale (1 2) sono animati da continue novità o aggiornamenti in tema di metodologie di approccio (leggi ‘algoritmi’) e tecniche, sempre più automatizzate e mirate (approccio e specializzazione dell’Intelligenza Artificiale 1 2) le quali, seppur indirettamente, per la logica delle metriche adottate ed i loro strumenti, stanno distraendo gli operatori da quello che è il loro obbiettivo: raggiungere il destinatario, l’utente finale.

Pertanto sorge l’esigenza di ridisegnare il concetto di customer journey, mediante cui rimettere “al centro” l’utente.

Gli stessi operatori di settore convergono nell’affermare che ‘è vitale rifocalizzarsi sulle persone’ (“buyer personas“) e, in particolare, su un processo che conduca al cliente in maniera più trasparente, con meno congetture e più diretto.

Ciò comporta di accantonare il meccanismo del funnel, strumento diventato suo malgrado come il miele per le api, non sempre efficace tuttavia per portare ad una visibilità che veramente converta in transazioni e comportamenti davvero utili.

Ecco allora l’invito ad una riscoperta dell’approccio human oriented: mettere dinanzi a noi una lavagna su cui andare a delineare personalmente, in maniera asettica da fattori esterni, finalità e modalità d’approccio per ‘rimettere al centro la buyer persona‘ così tanto inseguita e quindi costruire una tecnica di clustering.