Profilazione, Traffico Utenti e Filter Bubble

(giovedì 27 febbraio)

Per profilazione (in contrapposizione alla “privacy”) si intende la raccolta dei dati degli utenti nel momento in cui accedono ai siti per fruire (e ancor prima accedere) dei servizi offerti dagli stessi, la loro successiva elaborazione per la categorizzazione e successiva segmentazione degli utenti in base a vari criteri, inglobando sia dati personali sia dati cosiddetti “sensibili” trattati specificamente dalla normativa europea sulla protezione dei dati personali (GDPR).

Appare dunque come una sorta di automatismo che si presenta ogni volta che carichiamo un sito; la profilazione dei nostri dati, attraverso cui si passa quando accediamo a un qualsiasi sito internet, pare come una normale operazione cui ci troviamo davanti ogni volta che accediamo a un pc. Addirittura, può apparire come una sorta di lucchetto al sito: ‘O clicchi OK o il sito non lo vedi’ (leggi ‘se vuoi guardarmi gratis…‘). E fin qui, ok – direbbero i più, una mera operazione di “raccolta”.

Ma l’acquisizione dei nostri dati non si ferma qui, come potrebbero pensare in diversi, ad una banale operazione di “raccolta”.

Non è facile denotarlo una volta che si accede al browser ma facendo una semplice ricerca da un qualsiasi motore di ricerca – Google piuttosto che Safari – e a prescindere dal tipo di dispositivo che utilizzo – Apple o Android – in primo piano vengono visualizzati dei contenuti diversi, pur effettuando la medesima ricerca. Oggigiorno, qualsiasi motore nasconde diversi artifizi (es. geolocalizzazione, “lettura” delle abitudini) che “hanno il loro perché !” …, permettendo al motore stesso (e conseguentemente al business che ci sta dietro) di raccogliere delle informazioni su di noi – “dati tecnici” e “dati sensibili“, le nostre abitudini, i nostri gusti, ecc. permettendo di crearsi un “identikit” – a creare uno skilling della persona.

L’internauta dunque il più delle volte provvede a rilasciare le informazioni richieste “senza cognizione di causa” quasi, ignaro che dietro la profilazione dei dati si nasconde un’altra “arma” a vantaggio dei magnati proprietari del motore di ricerca: adottando cioè questa strategia il motore è in grado di proporci direttamente informazioni e contenuti secondo i nostri interessi e quindi, invece di andare all’esterno, mettendo a disposizione proprie risorse nelle ricerche effettuate di modo che le persone rimangono all’interno del motore stesso, e ciò aumenta il loro guadagno (leggi “traffico di utenti“).
Non sono solo le inserzioni pubblicitarie ad essere personalizzate sull’utente ma anche i contenuti che vengono proposti (‘ognuno di noi ha il proprio Internet‘): i risultati ottenuti non sono perciò uguali da me a Tizio a Caio: ‘Internet allora non è uguale per tutti !!’. Questa chiusura esercitata nei confronti del cliente che ne consegue favorisce la crescita del motore (‘Filter Bubble‘).

La profilazione si realizza tramite i cookies, mattoncini che raccolgono e tracciano ciò che abbiamo fatto quando eravamo sul sito (nonché i nostri dati), pertanto risultiamo “schedulati” quando si torna.
Questi piccoli pezzi di codice svolgono certamente delle funzioni importanti (cookies tecnici), ma ve ne sono alcuni intrusivi che tracciano dati sensibili mentre noi siamo sui siti internet (cookies di tracciamento) fra cui cookie maligni che cercano di rubare informazioni private dai computer degli ignari navigatori.

Abbiamo motori di ricerca che accolgono la profilazione dei dati – e sapere tutto quello che si fa – (Google, Bing, Yahoo, Virgilio, ecc.) altri come Ecosia, Qwant, DuckDuckGo, StartPage che al contrario permettono una “libera circolazione”: questi non tracciano un profilo da conservare, si rispetta privacy, è possibile una ricerca aperta (senza cioè essere spiati).

Esistono peraltro degli strumenti che permettono di non essere tracciati (ad es. attraverso il comando adsettings.google.com: possibilità di ATTIVARE/DISATTIVARE – ovvero tracciare – GLI ANNUNCI PUBBLICITARI; se digito google.com/locationhistory scopro i miei movimenti tracciati da Google).

https://www.iene.mediaset.it/video/google-motori-di-ricerca-ci-conoscono_698130.shtml

Dal Digital Marketing si leva la crociata per la "HUMAN EXPERIENCE"

(giovedì 23 gennaio)

Da almeno due anni a questa parte il settore del branding e del marketing più in generale (1 2) sono animati da continue novità o aggiornamenti in tema di metodologie di approccio (leggi ‘algoritmi’) e tecniche, sempre più automatizzate e mirate (approccio e specializzazione dell’Intelligenza Artificiale 1 2) le quali, seppur indirettamente, per la logica delle metriche adottate ed i loro strumenti, stanno distraendo gli operatori da quello che è il loro obbiettivo: raggiungere il destinatario, l’utente finale.

Pertanto sorge l’esigenza di ridisegnare il concetto di customer journey, mediante cui rimettere “al centro” l’utente.

Gli stessi operatori di settore convergono nell’affermare che ‘è vitale rifocalizzarsi sulle persone’ (“buyer personas“) e, in particolare, su un processo che conduca al cliente in maniera più trasparente, con meno congetture e più diretto.

Ciò comporta di accantonare il meccanismo del funnel, strumento diventato suo malgrado come il miele per le api, non sempre efficace tuttavia per portare ad una visibilità che veramente converta in transazioni e comportamenti davvero utili.

Ecco allora l’invito ad una riscoperta dell’approccio human oriented: mettere dinanzi a noi una lavagna su cui andare a delineare personalmente, in maniera asettica da fattori esterni, finalità e modalità d’approccio per ‘rimettere al centro la buyer persona‘ così tanto inseguita e quindi costruire una tecnica di clustering.

L'arte dello 'scrivere semplice'

Letto ? Capito ?? … Ok, partiamo !

Quante volte pensiamo di “avere le carte in regola” per fare, pensiamo di aver capito, di potere e riuscire a scrivere bene ? Se non accorgersi dopo i primi (un pò) di tentativi che qualcosa non torna !! …
‘Ma come ! .. Ho seguito alla lettera le indicazioni, il mio ‘ABCDeario’; e ora non vedo “ritorni”, …, apprezzamenti, riscontri positivi …; ciò dopo (casistica non isolata) essersi (s)venduti (insana ma ricorrente pratica in chi si butta nella cerchia) !

Vediamo: ma tu come approcci alla capacità di sviluppare, (ri)creare testi/contenuti ?
Ci sono infatti alcuni punti fissi che non vanno sottovalutati nell’arte del copywriting.
Saper scrivere semplice è un obbiettivo che il copywriter in particolare deve riuscire a raggiungere; sembra un paradosso ma quello che segue è uno scotto che si paga inevitabilmente: “difficile raggiungere la semplicità“.
Il perché trova risposta nella ragione che quando scriviamo, o meglio riscriviamo, utilizziamo vocaboli, verbi, ecc. “nostri”, quasi riversando sulla tastiera quanto ci viene in mente ! Ma scrivere semplice richiede inevitabilmente il saper mettersi al livello del lettore (alla stessa finestra); ciò vuol dire che il nostro elaborato deve essere ‘limato’, smussato, liberato da elementi che abbiamo ritenuto utile aggiungere ma che alla fin fine non rendono chiari i concetti.
Al centro il lettore: ‘scrivere semplice‘ è sinonimo di empatia: mettersi alla finestra; abbandonare – per usare un eufemismo – la nostra “linea” in favore di chi legge. Una buona ricetta per dare continuità (“sopravvivenza”) al proprio blog e anzi aumentarne le visite, in un certo senso renderlo ‘competitivo’ e perché no’autorevole’.

Attenzione però: scrivere semplice non vuol dire sminuire lo scrivere ! … bensì liberare un qualsivoglia testo da tutto ciò che è superfluo senza però intaccarne la sostanza.
Una bella metafora è di considerare il web writer come uno scultore che, trovandosi dinanzi un blocco di marmo (‘prima bozza’) la smussa, la ritocca con lo scalpello ripulendo la pietra iniziale facendo così emergere chiara la figura che è al centro.

Ci sono alcuni punti focali che devono essere tenuti presenti per scrivere meglio:

  1. Usa frasi attive. Essere diretti ed evitare enunciati complessi.
  2. Scelta delle parole. Un ruolo chiave nell’arte del copywriting sta proprio nella scelta delle parole
  3. Impara a usare i verbi. Colta la centralità nella frase del verbo, è opportuno utilizzare verbi diretti in modo cioè da rendere chiaro il messaggio.
  4. Il nucleo della frase. La frase deve essere costruita in modo tale da rimarcare la vicinanza tra soggetto e verbo.
  5. Sviluppo dell’idea. Concentrarsi sul concetto da comunicare; e in base a ciò, strutturare il nostro articolo “step by step”; così ogni frase conterrà un messaggio, ogni paragrafo un concetto.
  6. Evitare frasi troppo lunghe. Se le frasi brevi aiutano la leggibilità del testo, ciò non vuol dire rinunciare a prescindere ad utilizzare quelle più lunghe. O meglio, utilizzarne sì ma sempre tenendo ben presente la semplicità del testo.
  7. Non usare equivalenze. Ovvero evitare di utilizzare parole similari con lo stesso significato a breve distanza.
  8. ‘Emotività’ indispensabile. Per dare più enfasi a ciò che scriviamo occorre puntare sul fattore emotività nello scrivere in modo tale da attirare realmente l’attenzione del lettore.

Ma scrivere semplice non è affatto facile: non si impara l’arte su due piedi. E’ proprio qui che subentra il fattore “empatia“: mettersi cioè dalla parte di chi legge non soddisfare solo la nostra esigenza di comunicare.

Digital Marketing e advertising: i trend del 2020 in Italia

Nato ‘da una costola’ della SEO, oggigiorno il Digital Marketing costituisce un’arma strategica per lo sviluppo di una realtà aziendale, un campo d’azione che da pochi anni a questa parte sta assumendo sempre più importanza sul piano commerciale per l’impresa.
Partiamo – o meglio, iniziamo – da una bella definizione di Digital Marketing: è “l’insieme delle attività di marketing che utilizzano i canali web per sviluppare e ampliare la rete commerciale dell’azienda, analizzare i trend di mercato, prevederne l’andamento e creare opportune offerte sul profilo del cliente target – buyer -“; alla base le attività di SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing) a cui si affiancano competenze e abilità più specifiche che fanno riferimento a particolari strumenti di analisi e campagna pubblicitaria (advertising).

Ma quali saranno i trends, gli orientamenti del Digital Marketing per il 2020? Da una ricerca svolta su un importante campione di professionisti italiani emergono conferme come nuove sfide, nuovi orientamenti che prendono spunto da tecnologie appena introdotte nel mondo del digitale.
“I dati che emergono dalla ricerca mettono in luce uno scenario che sta cambiando e acquisendo una nuova maturità ed un inserzionista sempre più competente e consapevole del futuro.”. E ancora: “Questo fa bene al mercato e agli stessi operatori che dovranno puntare sempre di più su innovazione e crescita delle competenze per approcciare il settore in modo più strutturato ed evoluto”. [fonte: www.ninjamarketing]

Un mercato che cresce guidato da mobile, social media e search

Futuro prossimo che si preannuncia roseo per il settore del digital con una previsione di crescita nell’anno che verrà del 30%, in virtù dell’incremento degli investimenti sui nuovi strumenti che stanno nascendo e facendo breccia pure nel settore del DM (mobile, video, social).

Sempre maggior peso assumerà il settore del mobile, ciò in linea con l’aumentare del tempo speso “pro-capite” per navigare su smartphone, sia per fare acquisti online sia per visualizzare video. Si aggiunga che già una buona fetta degli operatori pubblicitari progetta e istrada le proprie campagne su dispositivi mobile.
Un altro settore su cui si farà sempre più leva in futuro è quello dei social media per far incontrare il potenziale cliente con i prodotti/servizi offerti.

A scapito del traffico organico, negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede la paid search, ovvero le strategie pubblicitarie a pagamento (ciò che è il SEM).

Così come l’adozione dei video (video advertising) inteso sia come puro strumento di pubblicità sia di presentazione dei propri prodotti.

Advertising, la pubblicità (dal verbo inglese advertise), è un termine che va a braccetto ed è diretta conseguenza del DM.

E c’è una realtà, una dimensione che sta acquisendo piede da alcuni mesi in questo contesto e ancor più ne avrà nel prossimo anno: l’esigenza di maggior efficienza, più trasparenza e un maggior controllo sui costi, sta portando sempre più le aziende ad internalizzare le proprie attività di web e digital marketing (“In housing“) piuttosto che ad affidarsi a consulenti esterni. Uno dei settori più dinamici della pubblicità digitale si conferma quello del Programmatic Advertising (pubblicità computerizzata), ovvero software specializzati nell’acquisto di spazi pubblicitari online, e questo approccio è sempre più presente nelle scelte delle aziende soprattutto in termini di ottimizzazione dei costi e ritorno efficace degli investimenti. Le aziende intervistate convengono nell’affermare che il Programmatic rappresenti un canale pubblicitario chiave ed efficace, confermando un settore in piena crescita grazie anche alle possibilità nascenti di integrazione con altre tecnologie come l’Out of Home. Dalla ricerca emerge anche che già ora più del 50% degli advertiser già acquista o gestisce spazi in programmatic.

Nuove metriche di misurazione

Il tema della misurazione e dell’efficacia delle campagne pubblicitarie è da sempre considerato importante per gli inserzionisti.
La sfida del mercato è proprio quella di riuscire ad evolvere ed individuare standard più precisi che permettono una misurazione più puntuale del ritorno (ROI) delle campagne. Secondo la ricerca il 55% degli advertiser ritiene siano necessarie nuove metriche di misurazione in grado di delineare una cronologia del legame fra cliente ed azienda (customer journey), sempre più diversificata e multi-device.

Nonostante i modelli basati su approcci tradizionali restano ancora quelli largamente più utilizzati tra le tecnologie che segneranno il futuro del digital non c’è dubbio che a farla da padrone saranno i big data e l’intelligenza artificiale i quali combinati insieme saranno utili a definire con maggior precisione le strategie migliori da applicare.

Da ultimo, il mercato pubblicitario complessivo in Italia ha chiuso il 2018 a quota 8,2 miliardi di euro con una crescita del 4% e l’internet advertising si appresta a chiudere il 2019 intorno ai 3,2 miliardi di euro con tasso di crescita di circa il 10% e, secondo la ricerca, si prevede nel 2020 una crescita ulteriore. Gli investimenti sul Mobile aumentano, superando quelli su desktop. La ricerca evidenzia che il 79% delle aziende veicola principalmente campagne su mobile, soprattutto su smartphone (il tablet non supera il 10%), ma il desktop rimane un dispositivo chiave per il 76% degli intervistati.
Nel 2020 è prevista une crescita della spesa pubblicitaria trainata soprattutto da paid search, social e video. Negli ultimi anni la paid search ha risentito di una crescita continua grazie anche a maggiori possibilità di personalizzazione e soluzioni sempre più integrate ai processi di acquisto e vendita online e ai dispositivi mobile. I brand investono quote sempre maggiori anche sui social media.