A Varese per uno scontro fra titani

(lunedì 26 febbraio)

Siamo ancora alle primissime giornate del campionato primaverile delle PGS ma quella che ho arbitrato oggi è stata un gara senz’altro altisonante (come da aspettative) e combattuta da ambo le parti. Varese, scuola Silvio Pellico, categoria under 13; di scena la squadra locale di Elpis contro la formazione di Olimpia Pernate.

Oramai conosco bene – con piacere – il sodalizio delle ‘Pulci’ di Elpis e la caratura, l’estro delle giovani atlete. Diversamente, nulla so sulle avversarie. Si può suggellare allora la gara come un ‘Derby del Ticino‘, dal momento che Pernate si trova sulla sponda piemontese.
Ritmi serrati e bel gioco sciorinato dal primo all’ultimo set con le due squadre che giocano una buona pallavolo in considerazione del “livello tecnico” della categoria.
Con lo sviluppo del gioco emergono però velleità o leggerezze da ambedue le parti (leggi “falli”) che a rigor di regolamento non possono passare inosservate all’arbitro nonostante il disappunto di panchina e giocatrici (aria interrogativa).
Partita piacevole con continui finanche rocamboleschi capovolgimenti di fronte e recuperi della palla in situazioni estreme. A scanso della giovinezza le due formazioni non lesinano molto a … giocare alta la palla.
Se i primi due set Elpis e Olimpia tentano vicendevolmente di imporsi sfoggiando il meglio del loro gioco (il primo è appannaggio delle locali 17 a 12, il secondo “più complicato” vede Pernate pareggiare i conti 11 a 17), col terzo parziale le locali fanno la voce grossa approfittando di un improvviso quanto inaspettato black-out nelle fila del sodalizio piemontese. Il parziale vede ancora la squadra di Tanco imporsi, stavolta in larga misura (17-9).
Ultimi due quasi interminabili (posso testimoniare che nel corso del quarto solo guardando il parziale nell’intervallo del timeout chiesto da Pernate capisco perché mi sembrasse interminabile – 15-15 -), mentre nell’ultimo la squadra di casa mette una mano sul malloppo ma dopo l’altalena degli ultimi cambi palla le ospiti ad imporsi, che nel frattempo rivitalizzate hanno ritrovato lucidità e il grip giusto per “fare la differenza”, 15 a 17.

Per OSGB prove di .. volo con I Gabbiani

(domenica 18 febbraio)

Oggi buon ‘test’ il secondo impegno stagionale a Induno Olona: categoria under 16, di fronte la formazione locale di OSGB opposta alle coetanee della compagine novarese de I Gabbiani.
Giunto sul campo ritrovo l’amica Benedetta alla guida del sodalizio di casa. Dalle distinte noto che la squadra de I Gabbiani è ‘fuori classifica’ presentando nella propria rosa un ‘2007’; squadra di casa invece relativamente giovane. Dal riscaldamento emerge, ed è poi quanto si vedrà in partita, OSGB orientata ad un gioco maggiormente organico, I Gabbiani puntare su palle lunghe (e questi saranno i punti di forza che si apprezzeranno !).
Approccio alla gara: formazioni aggressive e .. solide, ambedue dalle ambizioni già alte in questa tornata dei campionati PGS, ma la partita non offre grossi spunti tecnici almeno nei primi due set nei quali palesemente le due squadre “si stuzzicano”, dapprima appannaggio di OSGB poi I Gabbiani trovano l’alchimia giusta e impongono il proprio gioco, ancorché asfissiante … Primi due set sostanzialmente antitetici, con la formazione di casa che riesce a “stordire” le avversarie incapaci di trovare il giusto assetto sul rettangolo di gioco non riuscendo ad essere convincenti nel primo (15-7, 17-10) e al contrario un secondo parziale in cui pur partite in sordina le ragazze di Pozzan mettono la quinta e con una buona rotazione con il capitano in battuta annichiliscono la retroguardia di OSGB inermi (15-25).

Ritmi sempre serrati ora, formazioni che si inseguono punto a punto, ma la squadra dell’OltrePo comincia a trovare le giuste sinergie e dinamiche per far girare la palla… Le ragazze di Mazzola avvertono questo cambiamento e verosimilmente non abbassano la guardia (6-3) ma le avversarie rispondono alla pari e mettono la freccia (13-16) quando asd inizio di seconda rotazione intensificano il gioco dai nove metri confidando in validi “bracci armati” (numero 33 in particolare) per il 21-25 finale, mentre dall’altra parte le ragazze di OSGB pasticciano su palle innocue e gestibili. Set successivo incerto fino ad inizio seconda rotazione (12-11), quando dal capitano e dal numero 25 in battuta (battute al full di cotone !!) arriva il La per la formazione de I Gabbiani mentre non si risolve l’empasse di Induno che, pur cresciute raggiunta la doppia cifra e portato il parziale ai vantaggi, cedono, complice anche una vistosa accompagnata che a giudizio non poteva passare inosservata, il set 24-26.

Oggi dunque una buona prova utile – dicevo – per saggiare la mia preparazione in una categoria in cui “la fermezza” conta: e i risultati li posso apprezzare. E infatti, salito sul trespolo con la solita determinazione, mantengo alta l’asticella dell’attenzione sulle dinamiche di gioco, con particolare attenzione a quelli che possono essere i falli più comuni su tutti quelli di seconda linea e le invasioni) e placo gli animi in campo – squadre comunque non particolarmente fallose – richiamando in un certo senso ambo le parti ad un “rispetto delle regole” (qualche esagerazione ? non penso) nei primi set, mentre nella parte finale della gara mi limito a gestire le dinamiche.

Acuto di Folgore Bosto alla prima di campionato

(domenica 11 febbraio)

Iniziano con questo fine settimana i campionati primaverili PGS 2024 che condurranno a fine maggio alle finali per i titoli provinciali di categoria.
Così, mi reco alle scuole ‘Foscolo’ di Varese per l’impegno di under 14 fra la formazione locale e le coetanee di OSGB Induno.
Particolarità scrutando le distinte delle due formazioni è che OSGB presenta una rosa targata ‘2010’, mentre il sodalizio locale porta una maggiore eterogeneità presentando anche alcuni elementi all’esordio nella categoria.

Partita intensa anche dal punto di vista delle dinamiche, con OSGB che parte in auge … sfoggiando il vestito migliore, e Folgore costretta ad inseguire riuscendo poi a ribaltare l’andamento della gara. Già dal riscaldamento si possono apprezzare ambizioni e “pesi” in campo …..

E già dai primi palloni giocati si intuisce quanto predetto. Ottenuto il servizio Induno parte bene (0-4) ma le locali si fanno sentire subito e corrono all’assalto: in effetti, si denota una buona risposta sul campo (5-6). Nuovo strappo delle ospiti che possono contare ora su una buon fraseggio e fluidità di palla (6-11). Le ragazze di Giadini pur non deludendo non riescono però a darsi continuità (8-15, 9-18). Già ad inizio seconda rotazione doppia Folgore (10-20) pe il conclusivo 19-25.
Seconda frazione sostanzialmente fotocopia del precedente ad eccezione di un inizio scoppiettante dove la squadra di casa parte bene (5-2) se non risentire del ritorno delle avversarie (5-8), e poi tentare invano la fuga (12-11); poi è tutto un testa-a-testa fra le due (27-27,18-18, 19-20). Il finale è da cardiopalma ma dice ancora OSGB (23-25).
Ed è a questo punto che Folgore trova l’alchimia e l’assetto giusti nel proprio sestetto. Il sodalizio di casa parte bene con il braccio armato Ponzellini in battuta approfittando di uno sfilacciamento e di una linea troppo bassa della retroguardia di Induno (3-0) ma OSGB non rimane a guardare e nel giro di due rotazioni è nuovamente avanti (5-8). Folgore rimane in scia (9-11, 12-13) e, mentre la panchina di Induno tenta invano di ridare ossigeno alle sue ragazze utilizzando i due timeout , approfittando di un loro “dissesto” tattico preme a fondo e realizza un significativo gap che la porta dal 16 a 18 al 25 a 18.
Il successivo parrebbe allora riaprire i giochi oltre ad essere il più incerto e combattuto a referto (29′). Dopo una prima fase di stallo (4-3, 7-7) ecco i padroni di casa mettere la freccia (10-8) e realizzare poi un proficuo gap (15-9) cui Induno fatica a rispondere (16-11, 19-13). E’ ora l’apoteosi attorno al rettangolo di gioco e Folgore capitalizza il gap (21-15). Induno non ha però gettato la spugna e , benché siano diversi i punti da colmare (24-17) vuole dire ancora la sua. Si assiste ora all’ascesa di Folgore ‘in folle’ mentre OSGB rimane inerme (26-24).
Al tie-break procedono a braccetto fino al cambio campo quando le locali realizzano un discreto break (+5, 12-7) per il conclusivo 15-10.

Come da prassi, alla vigilia della gara mi antepongo anzitutto la presenza dell’arbitro cosa in cui mi comporto discretamente arrivando a cogliere anche situazioni non proprio nitide … Riesco perciò ad impormi nei momenti topici e di dissenso ma qui la prestazione non è del tutto limpida in quanto in un paio di occasioni ho la sensazione di peccare di zelo … forse. Comunque la prima è aandata !

Salto nei regionali ! ..

(domenica 4 febbraio)

Tempo di regionali. All’indomani della chiusura dei campionati invernali in quel di Milano, quest’anno differita rispetto a Varese, gia nel weekend passato è partita lsa Don Bosco Cup 2024 con buona parte delle gare di andata.
Eccomi sabato nella nuova location di OSGB di Induno Olona, presso l’oratorio San Paolo. Format under 14: avversarie, la formazione Net Volley di Cinisello Balsamo, forte di un agevole 3 a 0 (25-4; 25-18; 25-15) che, oltre ad evidenziare il divario fra le due compagini, già forse ha tracciato l’epilogo del turno.
Pertanto, alla formazione guidata da Laura Barella non rimane … che giocarsela davanti al proprio pubblico.
La storia però non cambia nel ritorno con il sestetto di Cinisello che non abbassa l’asticella del proprio gioco e con un gioco pressante e veloce piega a più riprese la retroguardia di OSGB inerme di fronte alle mine lanciate dai nove metri (8-17 dopo solo tre rotazioni nel primo set), a evidenza che la formazione di Cinisello Balsamo non rinuncia alle proprie ambizioni, per un perentorio 10-25 finale. L’intervallo è propizio alle locali e a coach Barella per rimettere ordine nelle proprie fila e, con una rimescolata di carte, nel successivo riesce a tenere testa ad un gioco verosimilmente più affievolito delle ospiti tenendosi avanti nonostante il ritorno per il conclusivo 25-20.
Ma OSGB non riesce a tener testa e continuità nei due successivi alzando praticamente bandiera bianca nell’ultimo set (25-13 e 25-15).

La designazione di domenica mi riporta alla palestra Falaschi di San Fermo in Valle Olona, dove il sodalizio locale ‘u13’ di coach Ambrosetti sfida nella gara di ritorno il sodalizio di Volley Arluno guidato dal duo Ferrari. Le locali partono dal risultato di 1 a 4 dell’andata (17-15, 13-17, 9-17, 8-17, 5-17) maturato giusto 24 ore prima. Conoscendo però il sodalizio di Atlas, che può contare anche sul fattore-campo, c’è da aspettarsi di tutto nella gara di ritorno. Gioco apprezzabile da ambo le parti. La compagine milanese in particolare si dimostra una formazione molto duttile e dinamica, ciò che probabilmente ha segnato il solco già nell’andata, senza nulla togliere alle ragazze di San Fermo.

La gara è tutto un testa-a-testa fra le due squadre con la formazione ospite che, pur tramortita dalla buona partenza della squadra di casa (1-6) non perde la concentrazione potendo contare su di una buona cabina di regia (numero 7) che dà lo scossone con micidiali diagonali dalla prima linea (9-12). Mentre Arluno preme molto sulle palle lunghe, la squadra di Ambrosetti invece non riesce a trovare continuità nella sua azione (10-17). La formazione di casa non getta la spugna anzi… mentre si apprezzano dinamiche di gioco che vanno in crescendo a testimonianza dell’impegno profuso da ambo le parti, riesce a domare e a contenere le avversarie nei successivi due (17-12, 17-12). Ecco allora il quarto set assume un’importanza fondamentale (a dimostrazione, 24′ di gioco a referto !!): si intravede la tensione nelle ragazze di Ferrari con un gioco non così lindo come agli inizi (leggi alcune invasioni a rete), Atlas vede così il colpaccio imponendosi ai vantaggi nel quarto (16-18), mentre Arluno perde verosimilmente di lucidità. Volley Arluno non vuole però tirare i remi in barca e nel quinto set respinge le velleità delle locali (9-17), allontanando lo spettro di un possibile Golden Set, che vale il passaggio diretto al turno successivo. Apprezzabile (non perché sia lo scrivente) la direzione di gara: visto il contesto e le premesse della sfida, tengo alta la concentrazione (quasi al 101% !!), attento allo sviluppo di gioco sui 18 metri e focalizzando la presenza nei momenti topici: da questo punto di vista direi le due squadre sostanzialmente impeccabili e capaci di un un buon gioco e di mantenere viva la palla pure in condizioni .. “estreme” ! Penso di aver risposto adeguatamente all’impegno, senza inventarmi nulla nella conduzione.


ADP Cantello che convince

(domenica 17 dicembre)

Ritorno a Cantello per dirigere un’altra partita delicata – in chiave passaggio alla fase regionale. Di fronte Cantello trova la compagine di ADP Oratori Cardano al Campo; una sfida da “piani alti” del girone VA09, visto che sono rispettivamente seconda e terza a pari punti alle spalle della 1a della classe Real Busto .
Partita intensa e ricca di contenuti ci sarebbe da aspettarsi e invece … per l’occasione Cantello “mette il vestito bello”: torna a giocare come sa e come ha abituato il suo pubblico e … cala il poker anzi il tris !
Benché non abbia un’opinione del sodalizio ospite, Cardano si presenta con una formazione di tutto rispetto ma sul campo e palesemente irriconoscibile ! pagando lo “scotto” del primo parziale con una scelta errata della metà campo di gioco che non riesce poi a riassorbire. Basta così poco più di un’ora alla squadra di casa per piegare il sodalizio di coach Chierico.

Ore 15: in compagnia di un solleone alquanto fastidioso che impedisce di avere una corretta visuale sul campo (peggio che al PalaBunker), perlomeno nel primo set, fischio d’inizio : dal trespolo cerco barcamenandomi di seguire l’evolversi degli scambi dovendo arrendermi nei momenti topici. Certo questa circostanza non consente una direzione “trasparente limpida” ma finché c’è fattibilità di gioco (ricordo una gara ….)

Che qualcosa non vada nel sestetto ospite lo si vede quasi subito: pur ottenuto il servizio, il loro rendimento (complessivo) è condizionato pesantemente nel primo set dalla metacampo scelta .. baciata dal sole che ne mette ko l’alzatrice; si aggiungano (ciò però non ne è conseguenza a mio parere !) i diversi errori in battuta che impediscono a Cardano di rientrare in partita (25-17); per contro, le locali disputano un set pressoché discreto, in cui già mostrano la loro determinazione e brama di fare risultato …

Col ritorno in campo ci si aspetterebbe una reazione della squadra precedentemente svantaggiata ma la grinta delle giocatrici di Cantello non muta e anzi diversi sono i tentativi di attacco dalla seconda linea. Sul finire della prima frazione anzi le ospiti sfruttando un turno proficuo in battuta tentano di rientrare (12-7, 15-15) ma Cantello non molla (20-19). Con la “contraerea” delle ragazze d Chierico in azione le ragazze di Buzzi alzano le barricate e riescono s respingere l’assalto (25-20).

il terzo set vede la formazione della brughiera annichilita nelle fasi iniziali (6-1) dopodiché una serie si errori, anche banali, delle ospiti al servizio (15-3, 17-6) spianano la strada all’avanzata della formazione di casa mai impensierite, ma Cardano spreca ancora molto (25-16).

Prima dell’under 12 al PalaBunker

(sabato 16 dicembre)

Piace la compagine under 12 di casa Blu Volley che oggi, al secondo impegno del campionato provinciale di federazione, prima gara ina casa al PalaBunker di Cuveglio, coglie un’altra vittoria contro la compagine di CSI Bisuschio (4-1), che senza dubbio le rinfranca, portandosi temporaneamente in testa alla classifica del ‘girone A’.
La squadra , allenata dalla coppia De Tomasi-Ortoni, in campo dimostra di essere un sestetto già smaliziato e affiatato, attento nei fondamentali e duttile, le quali riescono già a coprire a tuttocampo sotto lo sguardo attento del coach e le sue indicazioni.
D’altronde, pure le avversarie non sono da meno, si presentano come un gruppo organico e coeso che si impegna nondimeno, che non demerita quanto a impegno visto, ma che manca forse di quell’aggressività necessaria sulle finalizzazioni delle azioni che invece premia Blu Volley.

Si è ancora agli inizi del campionato 2024 ma se questi sono gli auspici che si vedono in campo , ‘ne vedremmo delle belle’ !

A Cantello, questo “sconosciuto”

(domenica 10 dicembre)

Trasferta oggi al “paes di sparg” per dirigere il locale sodalizio ‘under 16’ guidato da coach Buzzi opposto al team di Real Busto.

Gara poco edificante dal punto di vista delle dinamiche di gioco – viste a sprazzi – in cui la formazione di casa disattende le aspettative di panchina e sostenitori, non ripagando perciò le aspettative che mi ero immaginato.

Al comando del girone VA09 con un filotto di 7 partite vinte su 7, Real Busto è chiamata a tenere al largo le inseguitrici dirette Cantello, Cardano e Cairate .
Con il sestetto di casa stranamente inefficace in questa tornata, per la squadra bustocca basta un’ora e mezza per chiudere la pratica con un perentorio 3 a 0 e conservare il primato.
Nei primi due set infatti Real Busto pur con un gioco non pressante (diversi infatti gli errori s muro da ambo le parti nell’intero arco della partita) ma comunque organico (e vincente) regola facilmente la squadra di casa poco reattiva e fragile in difesa (16-25, 10-25). Più complicato .. – leggi da sbrogliare – il terzo con le due squadre praticamente che avanzano punto-a-punto sino all’inizio della seconda rotazione quando capitan Ferrario capitalizza un buon turno in battuta (14-18 da 12-12), cui Cantello ingenuamente non riesce ad opporsi con azioni efficaci e positive, oltremodo sbilanciata in avanti facilitando i tiri lunghi delle bustocche. Le due formazioni blandamente centellinano negli attacchi !!
Col ritorno in campo Real Busto torna a far valere il proprio peso e, mentre la ricezione di Cantello tracolla (non senza demeriti), già prima del giro di boa scava un gap considerevole (7-20) che richiederebbe una (ri)scossa delle locali la quale però non arriva e anzi ripropone mestamente le medesime leggerezze già viste (11-25).

La designazione odierna offre un buon banco di prova, utile per tastare la preparazione arbitrale: mi accorgo che dirigendo poche gare di questa categoria pago lo scotto di non essere sempre puntuale negli interventi da sanzionare (complice forse anche il divario che si vede in campo fra le due compagini), non sempre è facile e repentino realizzare questo passaggio , ma cerco di ‘stare all’altezza’ nel sanzionare le azioni più plateali.

.. Le Pulci di casa nostra …

(domenica 3 dicembre)

Eccomi oggi fra le mura di casa del Pala Bunker di Cuveglio per arbitrare le Pulci di casa nostra che ospitano la compagine di Orago Besnate.

Il lavoro svolto sin qui dal gruppo ricreato dalla giovane e caparbia Ortoni si vede e si apprezza qua e là pure nelle dinamiche di partita, peccato manchi ancora quel passo in più che potrebbe fare la differenza: trovare i giusti equilibri e dinamismi di squadra per rinfrancarsi dalle sue inezie e fragilità.
Partita non esaltante quanto a contenuti tecnici anche se talora si apprezzano degli sprazzi e delle azioni di gioco non indifferenti in particolare delle gialloblu, ma però Orago fa intendere da subito di voler capitalizzare per rimanere in scia alle fuggitive Saronno ‘Azzurra’ e Castronno (17-25 / 14-25 / 17-25).

Quindi

Anche in PGS … “La pallavolo contro la violenza”

(domenica 26 novembre)

Nel weekend in cui anche il mondo sportivo si unisce nel ricordo delle vittime della violenza sulle donne, mi ritrovo a riportarne e condividerne il messaggio (‘LA PALLAVOLO CONTRO LA VIOLENZA’) con le categorie ‘under’: oggi (sabato, ndr) under 14, domenica under 13.

Eccomi sabato sul campo di Bosto per dirigere la partita fra la locale compagine di Giadini che ospita la ‘coinquilina’ di Oratori Cardano guidata da Massari, Galmarini e Turri in panchina.
All’inseguimento della formazione Atletico Cedrate, ancora imbattuta, nel girone Va05, conosco poco ambedue le formazioni pertanto approccio alla gara con pragmatismo, cercando di focalizzare le dinamiche dall’una e dall’altra parte. Col senno di poi, direi ne è venuta fuori una partita sostanzialmente corretta ma in cui, a voler essere pignoli, è abbondato il senso del ‘buon padre di famiglia’. Comunque, la pignoleria – almeno a questi livelli – non è mai una buona compagna !
I parziali e i tempi registrati a referto dicono di una gara decisamente equilibrata , caratterizzata peraltro da numerosi errori a muro da ambo le parti.
Dopo la simpatica presentazione di squadre, allenatori e direttore di gara (speaker di turno Lorenzo) con il sottofondo dei Queen e al predetto momento di raccoglimento, il via ai giochi.
Se Folgore riesce a stordire le avversarie nella prima frazione, dopo una prima rotazione in cui procedono a braccetto (10-7, 17-8), che getta nello sconforto l’attacco delle ospiti (finale 25-15), il successivo vede una rediviva Cardano (in vantaggio 5-1) che – pur commettendo diversi errori in battuta – si oppone efficacemente al gioco delle locali (8-13). Le ragazze di Giadini tentano la riscossa e si rimettono in carreggiata ma il gap non varia (11-14). Buona spinta di capitan Bertazzo che incamera un proficuo +7 (18-14), dopodiché è tutto un botta-e-risposta con il sodalizio di Massari che progressivamente alza l’asticella (19-22); le locali perdono diversi punti su palle inattive lasciate incustodite sottorete. Poi, altro buon break capitalizzato dalle battute al fulmicotone di Pantaleone (+4, 24-22) ma … “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco !“. La formazione della brughiera rimane in scia e agguanta Folgore fino a portarla ai vantaggi per il finale 25-27.
Terza frazione con le squadre ancora a braccetto e Folgore che concede alle ospiti qualche palla facile (12-18). Tenta poi di darsi una scossa (15-18) ma ora le ragazze di Cardano difendono bene la propria metacampo e riescono a portare in porto il set (22-25). Quarto set determinante ma che comincia male per Bosto pur in ricezione (0-2). E’ poi di nuovo capitan Bertazzo a condurre la .. carica di Folgore unitamente a tutta la squadra che si ritrova (14-12, 16-13). Poi è un buon gioco in particolare della ricezione e delle battute imprevedibili di Chindris (+7) a ridare smalto alle locali (23-17) per il finale 25 a 18.
S va al tie break con Folgore che pure conquistata palla subisce l’avanzata di Cardano (4-0). Cerca di ritrovarsi ma Cardano va al cambio campo in vantaggio 8 a 6. Giadini trova l’8 pari ma ancora le ingenuità in campo permettono alle avversarie di allungare (8-11) e la perdita di autostima delle ragazze di trovare la vittoria (9-15).

Altra bella partita fra ‘Pulci’ domenica di scena alla palestra Falaschi fra la locale Atlas San Fermo e la rediviva formazione di Orago Group Besnate Gallarate, giovane sodalizio verosimilmente in ascesa. ‘Siamo di fronte ai due pesi di una stessa bilancia ?’ – verrebbe da blaterare a qualcuno … Affatto !! , la risposta … lapidaria.
E’ indubbio che le ospiti, dopo un timido approccio all’esordio nel campionato invernale PGS, stanno dimostrando nelle ultime partite maturazione e determinazione e ne danno prova anche in questa occasione opposte ad una squadra altrettanto dinamica e da un buon potenziale, benché oggi in formazione rimaneggiata.

Così occorre più di un’ora e mezza di gioco alle locali per avere ragione dell’arrembante quanto vivace formazione di Orago (i parziali: 17-10, 15-17, 17-15, 17-13, 17-9).
Archiviato il primo set vinto abbastanza agevolmente con la loro dinamicità e giocate non indifferenti (!!), Atlas cede di misura il successivo 17 a 15 e deve faticare poi per aggiudicarsi con lo stesso parziale il successivo. Frattanto si apprezzano dei buoni fraseggi e la canonica costruzione delle azioni sui 3 passaggi da ambedue le parti, come pure la ripartenza del gioco su palle alte (che mettono in luce la preparazione delle Pulci) per cogliere alla sprovvista l’avversario. Quarto parziale con Atlas che riesce a tenere dietro Orago (11-8) con non poca fatica e regolare con un 17-13.
Si va all’ultimo parziale con le due compagini che “si controllano” (4-3, 6-4) e la squadra di casa che arriva per prima al cambio campo (8-5). E’ a questo punto che la squadra di Ambrosini ritrova coesione e lo slancio necessari (dall’altra parte, Orago “perde” la lucidità vita nei set precedenti) per il finale 17-9.
Nonostante la sconfitta di misura maturata la squadra di Orago promette bene per il prossimo futuro, potendo arrivare a dare qualche grattacapo alle coinquiline contando, alla stregua di Atlas, delle buone invidualità.

Le ‘Pulci’ di Orago .. pungono !

(lunedì 20 novembre)

Archiviato lo stop forzato del sabato torno sul teraflex l’indomani presso la palestra delle scuole elementari Silvio Pellico di Varese per dirigere la partita di under 13 fra la compagine Elpis guidata da Tanco e la giovane matricola di Orago Group Besnate Gallarate.
Col “senno del poi”, vien da dire che la rinomata “aggressività” e consistenza atletiche delle locali farebbero pensare a una facile pratica da sbrigare ma – come si sa – “Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco !”.Oggi in effetti la formazione di casa pare quasi assopita: si aggiunga, dall’altra parte si vede una squadra rinvigorita e tenace, capace di metterle comunque in apprensione, rubando un termine sportivo in scacco …
Già l’epilogo della prima frazione di gioco fa intuire invece la voglia di riscossa delle ospiti: a referto bastano 13 minuti per mettere il primo sigillo (12-17).
Contrariamente alle aspettative, Elpis si rivela ‘non essere in giornata’, distratte forse anche dall’infortunio occorso a una loro compagna. Le atlete di casa non riescono a giocare con scioltezza cosi come sanno (si registrano diversi errori al servizio soprattutto nei primi set e inefficacia in prima linea.
Coach Tanco avverte che qualcosa non va nel meccanismo della squadra e allora tenta di ridare slancio e tempra alle sue giocatrici .
Nonostante ciò, la formazione avversaria non abbassa il proprio ritmo di gioco e lascia di misura solo sulle ultime palle i due set successivi (17-15, 17-14).
La “tensione” frattanto è palpabile in campo: ne sono prova dei risibili e ingenui errori commessi, specialmente in battuta, da ambo le parti.

Il quarto set è decisamente vibrante, sia fra le ragazze in campo tese a cercare varchi lascati scoperti nella metacampo opposta, sia fra il pubblico che non manca di sostenere caldamente le giovani atlete. Squadre a braccetto sino all’8-8; poi Besnate allunga (8-10) mentre le ragazze di Tanco non riescono a essere coese e commettono errori banali e ingenui che consentono alle avversarie di procedere agevolmente (13-17). Si arriva così all’epilogo con la solita determinazione delle squadre, ma è Orago che nuovamente con un gioco molto dinamico e organico sovrasta le locali 6-3, il Parziale registrato non fa che confermare “qualquaglia che non cosa” per Elpis. Cambio campo sul 5-8. Conquistata palla, Elpis però non ne approfitta e riapre alla rincorsa di Orago: 6-13. Tenta lo “scatto” con il numero 8 (10-13 ma il finale è appannaggio delle avversarie: 11-17.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
Exit mobile version