Torneo Pink Sauce – "edizione 0"

Vecchie amicizie

Galvanizzato dalle 400 candeline (!!!) in PGS, decido di accettare e cimentarmi in una ‘sfida’ hors-d’oeuvre raccogliendo l’invito dell’evento organizzato da Michele Frignelli ‘Prezzemolino’ Mitch e Nino con tutto il gruppo omonimo per l’edizione 1 (o “0”, come dir si voglia) del ‘Torneo Pink Sauce‘ in programma il giorno della Befana presso la palestra Falaschi di San Fermo di Varese. Premessa della partecipazione è il ‘prendere confidenza’ con una categoria con la quale ho poca esperienza … per motivi logistici ! -, auspicando (invano!) di trovare qualche collega più sgamato (realizzo nei giorni immediatamente precedenti che l’evento si svolge in contemporanea con il torneo “altisonante” di Alassio a cui diversi colleghi partecipano 0 1 2 3). Col senno “del poi” invece l’esperienza, vuoi anche per il carattere extra-campionato, si rivela piacevole e ben gestibile, affatto caotica né ‘impossibile’, alla faccia dell’ansia dei giorni antecedenti !!

La parte a gironi prevede partite al meglio dei due set (7,5 minuti ciascuno o al raggiungimento di 15 punti secchi)mentre dalle semifinali avvengono al meglio dei tre set (i primi due al 25, terzo set al raggiungimento dei 15 punti con i classici due punti di scarto).

Otto squadre promiscue formate da giovani e adulti, ragazzi e ragazze ancora in attività che in vario modo hanno calpestato il taraflex, distribuiti fra campionati e serie differenti, taluni dei quali ho modo di apprezzare veramente tosti (!); le squadre sono divise in due gironi all’italiana da quattro ciascuno per un totale di 24 partite della fase eliminatoria. A seguire nel pomeriggio gli scontri fra le pari classificate di ogni girone per stabilire la classifica finale di giornata, fino alle finalissime per il 3°/4° posto e 1°/2° posto.

Della giornata mi ha colpito l’atmosfera di estrema amicizia che aleggiava nelle e fra le squadre, fra i ragazzi già amici tra di loro in gran parte, dentro e fuori dal campo, benché ognuno mantenesse comunque la propria individualità.

TUTTI-AL-PUB