Puntare su blog o sito web ?

(venerdì 30 marzo)

Una domanda che risuona tanto come il detto: ‘E’ nato prima l’uovo o la gallina?’.

Ovvero, nella fattispecie, è meglio aprire un blog o un sito web ? In effetti si tratta di due prodotti simili, stessa origine ma con sfumature diverse !

Se prima, esaltando uno sviluppo strutturale del codice, si puntava direttamente alla soluzione del ‘sito web statico’, allora la soluzione più pratica se non l’unica per farsi notare online.

Poi, con i primi anni Novanta, è iniziato il sopravvento del prodotto ‘blog’, soluzione più automatica e “dinamica” nel settore, strumento ideale per l’inbound marketing, “bacchetta magica mediante cui si realizza il content marketing  (contenuti utili, questa è la logica. Il blog diventa approccio preferito da tanti esperti di inbound marketing) e per tracciare una leading.

Da qui, la domanda ‘sorge spontanea’: meglio un blog o un sito web, anche con un’occhiata al posizionamento in Serp ?

Prima di mettere sulla bilancia i due strumenti, occorre definire cos’è l’uno e cosa l’altro. Un blog è un progetto web che nasconde due potenzialità: pubblicare periodicamente degli articoli, dei nuovi contenuti e allo stesso tempo aprire a commenti o interventi del pubblico, degli utenti che mostrano un “intento di ricerca” (da cui ottenere la fidelizzazione del pubblico). Per creare un blog solitamente si usa un CMS (Content Management System), soluzione ideale per ottenere in pochissimo tempo un progetto performante e in linea con i principi del blogging.

Ma “il blog” non deve essere pensato come un traguardo dell’informatica a sè stante. Infatti, il ‘sito web’ va considerato il genitore del blog (lo stesso si può dire per un e-commerce o un forum) ma in questo caso si guarda ad un concetto di “sito web statico”, cioè che non prevede aggiornamenti. Questo è l’elemento caratterizzante del sito web: esso viene pubblicato e non va avanti, non prosegue la sua attività con aggiornamenti. Le persone non trovano contenuti extra e non vengono generati articoli.

Approfondimento: come creare un blog di successo

 

La differenza tra sito e blog è allora sostanziale. Col primo, solitamente riconducibile a un lavoro di poche pagine, si bada a creare una presentazione dell’attività/servizi e l’interesse per il posizionamento ai fini di una ricerca web è relativa; nel secondo, fermo stante il prodotto, mediante l’ausilio di determinate tecniche di scrittura, contenuti che vengono aggiornati e ottimizzazione SEO si vuole anche puntare al miglior piazzamento possibile per il sito in modo da renderlo appetibile.

 

Si è citato prima l’inbound marketing come risultato principe di una attività di blogging. Concretamente, può essere descritto come un processo definito da un funnel simile a quello riportato sotto e che porta il pubblico a raggiungere la landing page del sito tramite un lavoro “certosino” che attira proprio grazie ai contenuti, l’anima di un blog: quindi, se mancano quest’ultimi è difficile procedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *