A Mezzana … ricordando Gigi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

(domenica 17 maggio)

Oggi per il piede d’Oro si corre a Mezzana di Somma la 30^ edizione della ‘Camminata della Madonna della Ghianda’.
Sin dalla prima mattina si intuisce che oggi la giornata sarà allietata da un caldo sole …; fortunatamente però la gara è in gran parte nei boschi e si è coperti dalle fronde degli alberi.
Con l’amico Giovanni Belotti raggiungiamo di buon ‘ora il consueto ritrovo presso il Santuario della Madonna , quindi dal parcheggio ridiscendiamo verso il parco feste adiacente e .. via con i saluti … vari ! anzitutto ritrovo i miei amivi del CB S. Andrea, quindi alla spicciolata Samuele Sasà e Andrea e gli amici della PM (Podistica Mezzanese), Paola Simona e Andrea dell’Atletica Casorate e poi Lorena Castiglioni; quindi Antonio Spoti Aureliana e Adele Pina della Cardatletica; poco più avanti sul viale principale ecco l’amico di sempre Giuseppe Ramundo …
Sbrigate le formalità, alle 9 partenza dalla solita stradina laterale che immette nel centro di Mezzana verso la strada che corre parallela alla linea ferroviaria. E’ durante questi primissimi km che dapprima saluto Paolo Fortese, un caro amico che talvolta incontro alle camminate del PO, accorrente dalle retrovie, più avanti “incito” a sfottò l’amico PEPPO sborone ! …
Si procede così su asfalto fino al k 4 quando si prende per i sentieri boschivi e i campi verdeggianti delle campagne. Prima però da protocollo si passa per il caratteristico Santuario del Lazzaretto con la sua larga ma impegnativa scalinata che forse per la prima volta riesco a superare agevolmente e tutto d’un fiato (!!), quindi via ancora attraverso i boschi.
I cattivo tempo dei giorni scorsi non poteva evitarci qualche problema nei camminamenti boschivi e infatti dal 4° all’8° chilometro circa qua e là si è costretti a dei veri e propri fuoripista per aggirare le pozze presenti (e in una di queste ri-battezzo le scarpe nuove !). I sentieri sono agevoli e abbastanza larghi per un’andatura “no-problem”.
Eccoci arrivare lungo il tratto nel verde che l’anno scorso il meteo aveva reso un vero e proprio fiume costringendo tutti a buttarcisi dentro coi piedi per poter avanzare senza badare … all’umido !! Quindi si arriva in prossimità degli ultimi due chilometri di giornata: si riprende così l’asfalto con la parvenza di essere prossimi al santuario, parvenza perché l’edificio similare che si intravede sulla sinistra non è il monumento religioso ma un palazzo abitato; quindi ancora sterrato che immette sul tratto antistante – questo sì la chiesa -, quindi il caratteristico viale e a finire (quasi non arriva mai !) il gonfiabile d’arrivo.
Sull’ultimo chilometro mi staglia inanzi il fantasma dell’anno scorso che, proprio all’altezza del ritorno al Santuario a causa di un dolore acuto alla pianta del piede destro mi costrinse a stringere i denti per giungere al traguardo cercando di capire come appoggiarlo !!

Poi, al ristoro finale, ecco che ritrovo l’amica Silvia neoacquisto della Podistica Mezzanese e Federica Caporali con la famiglia al seguito, Franca e Sergio Castagna. Mi dirigo poi verso l’amico Giuseppe Bollini in compagnia di Antonio Vasi (oggi rispettivamente 3° e 1°) per scambiare qualche parola e dettagli tecnici.
Facendo spoletta per un bel pò verso il ristoro per reidratarmi, ritrovo poi l’amico Gianni e poi assistere alle (buone come sempre) premiazioni finali, dove saluto la sinora Silvana, le quali non lesinano di premiare un pò tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *