‘… Di corsa !’ alla Spingi Corri Pedala

(Domenica 21 luglio)

Nella cornice della Festa della Polenta qui a Cuveglio, consueto appuntamento di paese ‘di mezza estate’, nella mattinata di domenica si è svolta la tradizionale ‘SpingiCorriPedala’, gara a staffetta che vede coinvolti handbykers, podisti e ciclisti.

Tornata numerosa per questa 22a edizione della manifestazione sportiva:  ben 23 terne i cui abbinamenti sono stati effettuati poco prima della partenza con tutti i presenti. Giro interamente su asfalto per gli handbikers, primi frazionisti, attraversando praticamente buona parte della via principale del centro valcuviano andando poi verso Cuvio e la frazione di Cavona per poi tornare al punto di partenza dove “passare il testimone” agli amici podisti secondi frazionisti, i quali coprivano un tracciato più o meno di eguale lunghezza (circa 5 km.) ridiscendendo verso la pista ciclabile retrostante all’area feste per poi risalire verso il paesino di Cavona attraversandolo e riportare sulla ciclabile. Quindi è la volta dei ciclisti i quali devono compiere analogo giro ma per due volte.

Una alternativa alle solite camminate domenicali che oramai da alcuni anni è un ‘mio’ appuntamento fisso sull’agenda, una esperienza a cui non si può mancare (sorteggiato o no)  , un turbinio di emozioni (non esagero !!?) e fors’anche sensazioni (ammirevole è il gesto compiuto da questi giovani o veterani in carrozzella, ‘habitués’ di eventi del genere dividendosi tra il Giro d’Italia di handbike – che proprio settimana scorsa ha vissuto una tappa a Somma Lombardo e il cui prossimo appuntamento sarà il 18 agosto a S. Marino – e eventi ‘stra’ come la StracascHine di Albizzate svoltasi ieri sera (sabato, ndr) su un percorso cittadino di Albizzate.

Si consideri poi che – chi più chi meno – questi atleti in handbike sono dei veri proiettili lungo le strade – quest’anno era tra noi anche un certo Marco Re Calegari !!  -. A noi successivi staffettisti tocca la parte più tosta della giornata: a parte il percorso in sè, peraltro piacevole e ‘tranquillo’ lontano dalle macchine – due soli tratti impegnativi direi la risalita alla frazione di Cavona e a poche centinaia di metri dal cambio una salitella di un venti metri spaccagambe -, tosta per il caldo che oramai incombe !!

Al termine poi, c’è tempo di rilassarsi per tutti all’aria aperta, refrigerandosi e sorseggiando una bibita o una piacevole birra in compagni. A seguire, premiazioni per tutti e possibilità di continuare la giornata fermandosi  pranzare nell’ampio spazio verde della festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *