StraLuino … in agrodolce ;(

 Alternativa stamane con destinazione Luino per partecipare alla ‘Straluino’, gara non competitiva che quest’anno si svolge per volere del comitato organizzatore non ‘.. per le vie del paese, … ma direttamente sulle strade del paese …’, quasi una sorta di rilancio della manifestazione come attrattiva oltre che per i podisti amatoriali e non, anche per residenti e turisti.

Dunque con l’amico Alessandro di buon’ora partiamo alla volta del paese lacuale. Giunti sul luogo del ritrovo con largo anticipo (si parte alle 10, per agevolare presumibilmente la partecipazione anche di famiglie), abbiamo modo di ‘prendere aria’ re prendercela con calma.

Incontro frattanto alcuni amici e alcune vecchie conoscenze: Federico Caleffi, assessore del comune di Luino e membro del comitato organizzatore della Straluino, Costel, amico ‘di vecchia data’  delle superiori fatte qui, quindi Pietro Frendino e compagni  della 3V, i coriacei Costantino De Santis e Dante Morandi, con il quale effettuo un breve riscaldamento sull’ampio piazzale antistante il lido.

Oltre a noi habitué delle corse domenicali,  tante famiglie presenti per questa manifestazione che volutamente sui svolge sulle strade del paese. In tutto, fra i due percorsi si arriva a quota 600 presenze !!

Per noi del corto (5 km circa)  si va dalla zona del parcheggio antistante il lungolago sulla strada principale (è qui, a un centinaio di metri dalla partenza che è posta la deviazione per il 15 chilometri che, risalendo verso la stazione dei treni, attraversa il centro del paese per poi passare  nella zona retrostante di Voldomino, prendere per la ciclabile e infine tornare verso il lungolago dove è posto l’arrivo) verso la sede dei vigili del fuoco per poi prendere la strada che costeggia il Margorabbia risalendo poi fino a Voldomino dove è posto il primo ristoro quindi (!!)  ridiscesa verso il centro paese. Qua il tratto forse più impegnativo con il periplo dell’attuale supermercato del centro, tratto che presenta una breve ma non indifferente (per i muscoli) salitella che porta i concorrenti verso il secondo punto di ristoro posto alla chiesetta dei Ss. Pietro e Paolo nel centro del parte vecchia del paese.  Si prosegue dunque in progressiva discesa verso il  lungolago, quindi dentro fuori tra le vie del paese e risalita verso la centrale piazza Risorgimento in direzione stazione FS; quindi all’altezza dello spartitraffico si scende nuovamente imboccando via Vittorio Veneto per scendere sull’arteria principale.

E’ qui che accade “quello che non ti aspetti”, che non tanto interessa il sottoscritto quanto i primi della gara (come dirò poi di Alessandro !): presente solo un vigile per regolare l’attraversamento pedonale, i primi – convinti di dover procedere verso la zona di partenza per un fantomatico ‘lungolago che non c’è – proseguono diritti.  Lo stesso potrebbe accadere a me ma trovandomi a ridosso di una ragazza che mi è innanzi – nonostante abbia un attimo di esitazione – causa distrazione forse – un momento prima imbocco un piccolo passaggio innanzi  (peraltro senza segnalazione di ‘traguardo’ ecc. – : proprio qui intravedo l’amica Graziella ‘sbraitante’ ma non me ne curo, al traguardo chiedo il tempo: 25’circa. Accidenti – penso tra me e me – non sono poi andato malaccio; quindi torno indietro verso Graziella dalla quale apprendo che ’officiosamente’ sin dal primo ristoro è stato fatto un errore di segnalazione. Poco dopo ritirato il pacco gara mi ridirigo verso la zona di partenza allorché incrocio Alessandro con un amico arrivano leggermente innervositi dalla mancata segnalazione di alcuno al loro arrivo sulla via centrale ! Infatti,  avevano proseguito diritti (erano fra la 3^ e 4^ posizione). Gli dico di aver appreso ’officiosamente’ di un errore di percorso che oltretutto si somma ad una mancata segnalazione da lui riscontrata lungo il percorso che l’aveva portata fuori strada ! … Tanta rabbia per Ale che, trovandosi nelle primissime posizioni a ridosso del traguardo, se era convinto di poter far suo uno dei premi messi in palio scopre invece di aver continuato a correre per nulla !

Ci accingiamo a riprendere il lungolago verso la macchina , e nel mentre in corrispondenza della rotonda principale ecco arrivare i primi della 15 km: in ordine, i primi quattro poi il vuoto ! … Dominio africano in campo maschile, i quali a vederli arrivare hanno imposto un ritmo forsennato (!!!): 1° Salah Argoub, 2° Rachid Argoub e 3° Paolo Proserpio; in campo femminile: 1^ Valeria Airaldi, 2^ Raffaella Poroli, 3^ Sabrina Vigezzi. Sul percorso corto fra gli uomini 1° Mattia De Marchi, 2° Mirko Civitillo, 3° Luca Alessi; fra le donne, 1^ Giuliana Gargioni, 2^ Michela Risciotti e 3^ Sabine Wadle (AUT). Come detto prima, diversi premi speciali: al gruppo e alla famiglia più numerosi, all’uomo e alla donna più e meno giovani.

Di per sé la Straluino, pur non avendola fatta diverse volte, mi ha da sempre affascinato come gara di paese: oltre al fatto di essere una bella gara vicino casa, attrae sempre un buon numero di partecipanti (famiglie del paese come podisti provetti e che magari incontro anche altrove); il percorso è decisamente bello (i passaggi in paese sono a mio personale parere sempre ‘da sensazione’ secondo me). Se però questa era un po’ un’edizione ‘da rilancio’ come voleva l’organizzazione beh allora qualche consiglio ci sta, nella mia piccolezza di podista amatoriale: ci sta la collocazione in un orario ‘atipico – 10 – per attrarre più partecipanti anche di paese, però ad esempio per la partenza si potrebbe adottare un escamotage che prendo dal Piede d’Oro e che comunque infonde sicurezza nei partecipanti: far partire davanti o meglio ancora 5’ dopo bambini e partecipanti al giro corto; secondo, ma molto importante a prescindere è che il percorso, come del resto era nelle intenzioni degli organizzatori (ed è comunque stato fatto), sia adeguatamente segnalato re presidiato; che ognuno preposto al servizio sia informato sul percorso medesimo beh forse è chiedere troppo ma da tenere in considerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *