La storica Curiglia – Monteviasco

Oggi (ieri ndr – non ho avuto tempo di pubblicarlo prima !) variante alla solita prova del circuito del Piede d’Oro, che oggi proponeva la tappa della ‘ Su par iulm sass’ di Besozzo’ per la prova dell’IVV della Curigli .- Monteviasco, gara squisitamente di montagna che si svolgeva sopra il Luyinese su di un tracciato di 10 km di cui buona parte attraverso sentieri e boschi, optando per la classica ‘Curiglia-Monteviacco’ del circuito IVV raccogliendo l’invito di Angelo.
Sbrigate le formalità della partenza (ritiro cartellino , decisamente un pò lunghetta per chji è abituato al PO,la partenza libera: subito in salita a ripercorrere il chilometro da dove abbiamo lasciato la macchina lungo una serie di curve e controcurve, risalendo fino al primo centro abitato … Se qualcuno poteva aspettarsi una tregua nell’ascesa giusto per rifiare ecco che deve immediatamente ricredersi: dinanzi a noi ancora una bel tratto in (decisa) salita per il paese di un chilometruccio (!!!) che non perdona ! Misto tra stanchezza, passeggiata e ammaliato dal panorama circostante più volte mi fermo anche per parlare con i compagni di giornata, sia colleghi con cui scambiare semplicemente qualche battuta sia gente che ti fa da cicerone sul panorama circostante !! …
L’ascesa frattanto continua proponendo talora tratti decisamente impegnativi anche per i camminatori ! … finalmente, superato qualche ostacolo naturale, ecco che la strada si fa più umana, spiana dolcemente accompagnando gli eroi per i boschi circostanti … Eccomi arrivato al ristoro dove, in linea con la giornata ‘di disimpegno’, mi fermo per alcuni minuti aspettando Angelo (che però non arriva !), sorseggiando due bicchieri d’acqua; comincio a raffreddarmi, pertanto riprendo il cammino che, dopo aver superato l’ennessimo torrente, propone una breve salitella, comunque non impegnativa, lungo uno stretto sentiero di montagna, ecco qui l’ultima chicca di giornata con la risalita lungo una quasi interminabile serie di tornantini che riportano in quota !! per poi scendere gradualmente ma progressivamente,lasciando poi spazio a un passaggio più largo attraverso un bosco di conifere, che riaccompagna i camminatori al paesino di Monteviasco. Molto suggestiva a mio parere l’entrata nel paesino montanaro, con il passaggio nelle caratteristiche strette viuzze. la ‘tirata’ qui è d’obbligo: non più di 400 metri ed eccomi all’arrivo posto a ridosso di una balconata che apre sulle vallate sottostanti. Dopo un buon ristoro (un pò prolungato) a base sopratutto di liquidi (IDROVORA !!) con il mio compagno di avventura ridiscendo las lunga scalinata che ci riconduce alla partenza.
Spettacolosooo ! sicuramente da segnare sull’agenda del podista !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *