Cosa successe il 25 aprile

(26 aprile)

25 aprile. Festa della Liberazione. Alle generazioni più recenti, parlo almeno di quwelle dagli anni Settanta in poi (quindi mi chiamo dentro), sfugge il mero senso del giorno, o meglio, della Festa della Liberazione.

La ricorrenza è una festa nazionale che si celebra ogni 25 aprile per commemorare la liberazione dell’Italia dall’occupazione nazista e dal regime fascista, a suggellare l’apice della resistenza italiana.

Esso suggella la punta di diamante dell’azione d’insurrezione e di lotta dei partigiani e dall’esercito italiano iniziata l’8 settembre 1943.

Su parere favorevole Partito Comunista, per il quale era giunto il momento di «scatenare l’attacco definitivo», pochi giorni prima il CLNAI (Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia, a cui facevano capo i singoli movimenti antifascisti e di resistenza) diede l’ok all’ insurrezione generale per cui i partigiani pianificarono e avviarono attacchi verso le città, dove si erano concentrati gli usurpatori.

Il 24 aprile 1945 ci fu l’ingresso degli alleati che, una volta superato il Po (e dopo aver incamerato nel mese di marzo un importante successo il quale servì per alimentare il generale sentimento di sfiducia e una inevitabile sconfitta oramai diffusi nelle fila), l’indomani 25 aprile indussero i soldati tedeschi e i fascinorosi della repubblica di Salò a ritirarsi da Milano e da Torino. L’occupazione in Italia non terminò in un solo giorno, ma il 25 aprile è considerato una data simbolo perché coincise con l’inizio della ritirata da parte dei soldati della Germania nazista e dei fascisti della Repubblica di Salò dalle città strategiche, in seguito alla ribellione della popolazione e alla pianificazione da parte dei partigiani di un piano coordinato per riprendere il controllo delle città.

Video

il 22 aprile del 1946 Umberto II di Savoia, principe del Regno d’Italia, sentito l’ allora Presidente del Consiglio, De Gasperi, con un decreto prese la decisione di scegliere il 25 aprile come “festa della Liberazione” (o “anniversario della Liberazione d’Italia”) con queste parole: “A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 aprile 1946 è dichiarato festa nazionale”. Successivamente, nel 1949 venne istituzionalizzata come festa nazionale su proposta presentata da De Gasperi (settembre del 1948): il 25 aprile è un giorno festivo, alla pari delle domeniche, il primo maggio, Natale e la festa della Repubblica del 2 giugno.

Il 25 aprile spiegato da Makkox

Eventi commemorativi 25 aprile

Tra gli eventi del programma della festa c’è il solenne omaggio, da parte del Presidente della Repubblica Italiana e delle massime cariche dello Stato, al sacello del Milite Ignoto con la deposizione di una corona d’alloro in ricordo ai caduti e ai dispersi italiani nelle guerre.

Vedi anche:

Commemorazione 25 aprile

L’offensiva degli alleati nel Nord Italia nella primavera del 1945 (Wikipedia)

approfondimento qui

Le prime pagine dei quotidiani il 25 aprile 1945

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com
Exit mobile version