La ‘Camminiamo Insieme’ e le sue mille emozioni

(domenica 27 maggio)

“Non camminare davanti a me, potrei non seguirti. Non camminare dietro di me, non saprei dove condurti. Cammina al mio fianco e saremo sempre amici.” (Albert Camus).     
Questo il motto della manifestazione – ripreso poi dal sindaco della comunità – che ha fatto da sfondo ad una ennesima giornata di festa _____________ che è la ‘Camminiamo Insieme’ organizzata in maniera impeccabile dai tanti volontari dell’istituto Sacra Famiglia di Cocquio Trevisago coadiuvati da Davide Passeri,  Claudio Pedroni, Claudio Binda ed Emidio Novali unitamente a protezione civile, giunta alla 16^ edizione e valevole come 10^ tappa del circuito del Piede d’Oro,. Di una vera festa si tratta parlando dell’appuntamento dell’istituto n quanto, riprendendo le parole di Davide ed Emidio congiuntamente con quelle del primo cittadino, la manifestazione partita in sordina anno dopo anno si è voluta proporre come occasione per accostare ad un classico appuntamento sportivo come quello del PdO un’opportunità di “outdooring”anche per gli ospiti dell’istituto di cimentarsi anche loro, su di un idoneo percorso, in questa giornata di sport, aiutati dai familiari e collaboratori.
Dopo svariate edizioni in cui il meteo,, in una maniera o nell’altra, ha guastato questo momento di festa aperta a tutti, stamane è stato annoverato “Scipione” – leggi sole a gogo – per fare da cornice alla manifestazione in tutto il suo splendore.

Appena arrivato un caloroso saluto a Emilio Sonzini, collaboratore da diversi anni della Sacra Famiglia e oggi uno dei volontari che spingeranno le carrozzine, come faranno ancheSimona Agnisetta e la moglie di Renato. Mi dirigo da Ruggiero per ritirare il braccialetto di giornata quindi alla spicciolata ecco arrivare gli altri del gruppo: Franco, Gianfelice, Silvio e Marcella, Giò e consorte e Pasquale, e i vacanzieri Antonio e Aureliana. Tanti poi gli amici che ritrovo: a cominciare da Massimo Riva, poi Giuseppe Bollini che sta facendo PR con Lorena Castiglioni (o viceversa), Omar Spoti e la sua band; poi Gianni, Francesca, il coriaceo Giorgio Montalbetti e gli altri del 7 Laghi Runners, Giovanni, Samuele e la PM, Giorgio e Paolo compaesani, Vincenzo Lo Presti , …. Mirco , Renato Pegorin , Clizia Rodari, Marco Negri dell’AV. Ritrovo il mitico Costantino che, alla faccia del profilo odierno, … vuol dire la sua !!

Dopo la fotona di rito sotto il gonfiabile, ecco partire il classico minigiro per i bambini completamente all’interno dell’istituto: non bastasse la calda atmosfera che già ci attornia, anche per cercare un pò di fiato mi accodo ai piccoli partecipanti, introdotti dallo speaker Andrea Basoli, i quali a loro volta seguono il Fiurash-apripista.

Percorso confermato in toto articolandosi lungo il territorio comunale di Cocquio Trevisago attraversando le varie frazioni e passando lungo stradine interne e sentieri che le uniscono, ad eccezione di due piccole varianti: una che, oramai giunti nella seconda parte del percorso, ci portava a correre parallelamente ai binari delle Ferrovie Nord con conseguente brusca risalita alla località San Bartolomeo rimpiazzata da un “passaggio in quota” e la seconda giunti ormai a ridosso della “passarella” finale all’interno dell’istituto, un dentro-fuori che ci porta ad attraversare un pò più sopra un pratone che ridiscende verso il cortile stesso.
Dopo una ultima settimana non al “top” e le ultime passate con pochi allenamenti nelle gambe, approccio a questa gara certo non una passeggiata con l’imperativo di gestirla, portandola “saggiamente” a termine.
Alle 9.30 la partenza dall’interno del parco: dopo il count-down e il successivo allegorico sparo di coriandoli a salutare i partenti, giù a manetta (…) – come l’impagabile OmarIX – per guadagnare l’uscita e poi la sede stradale che immette su un lungo rettilineo di 600 metri circa in dolce ma progressiva salita al termine di cui è posta la deviazione fra il percorso corto, che ridiscende verso il paese di Cocquio, e il lungo per il quale gli astanti procedono ancora in salita, più impegnativa, per qualche centinaia di metri, prima di buttarsi in uno dei pochissimi tratti dove è possibile recuperare .
Qui arriviamo all’Eolo Time degli amici Aldo e Renato, svolta a destra e si attacca la tremenda scalinata che risale dalla parte boschiva alla frazione di Caldana, dapprima con i suoi larghi gradoni e poi imperdonabile come sempre nella seconda parte, dove gli scalini si fanno più stretti e ripidi, aprendo peraltro ad una magnifica vista panoramica con il lago di Varese a fare da sfondo.
Attraversamento di strada ed eccoci sulle stradine interne della frazione soprastante prima di ridiscendere verso la provinciale e così passare dall’altra parte per perdersi poi nella “parte country” di Caldana: quindi diversi tratti in discesa per ‘riguadagnare quota’ glissando poi , gradevolmente, la parte che corre parallela alla ferrovia peraltro con una variante non meno impegnativa per quella che può essere la continuità del passo (“stringi i denti e vai !! .. non mollare!”).
Ecco dirigerci verso la casa comunale e quindi le ultime centinaia di metri che conducono a percorrere il perimetro del l’istituto prima di raggiungere il gonfiabile d’arrivo.

Giornata no per il sottoscritto “tirando le fila”. Meglio, poco convincente sin dall’inizio, portandomi poi “gli strascichi” sulla seguente scalinata; cercando poi di riguadagnare quanto perso nella seconda parte ma oggi – complice un mix fra caldo e una condizione poco accettabile non sono riuscito a ‘scuotere’ la prestazione odierna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *