Un weekend … quasiquasi costruttivo – parte prima

(sabato 23 aprile)

Sono state necessarie quasi due ore di gioco al compagine under18 di Induno Olona per avere ragione della compagine di casa di Asso.
Se OSGB è oramai una buona pretendente in under 18, la squadra di Solbiate Arno pur essendo più giovane sta crescendo come gruppo nelle ultime uscite.
Prove di ‘u18’ oggi, e direi non sia andata male anzi ! Approccio alla gara con la consapevolezza per una necessaria e maggiore attenzione al livello di gioco (è già dal riscaldamento che come sempre pongo attenzione alla qualità di ambo le parti, oltretutto non conoscendole molto ). Come sempre seguo attentamente l’evolversi degli scambi sin dagli inizi andando tendo dunque a “mantenere l’ordine” negli scambi precautelandomi nel sanzionare “più selettivamente” e per quanto possibile “discrezionalmente”   (leggi non “a caso”).
Salgo com sempresul seggiolone con la consapevolezza di non dove fare favori o torti a nessuno e, partendo da questo punto basilar, seguire gli scambi di gioco fra le due parti.
La compagine di Induno olona conquistata palla parte bene (4-0) cercando di annichilire  le locali che, pur non venendo meno a determinazione e volontà, non riescono a “agganciare” (10-6) nonostante rispondano colpo su colpo agli attacchi o “rimesse in gioco” di OSGB.
Se già con il primo set la squadra di Induno mostra chiaramente le sue ambizioni, il secondo vede un crescendo collettivo della formazione di Asso e diametralmente le ospiti “sedersi” abbassando la guardia e consentendo alla squadra di casa un gioco più efficace ((8-8, 11-11, 13-12). Asso denota una buona seconda linea, che non manca di ‘caricare’, ma altrettanto caparbia è la difesa avversari !!
Pareggiati i conti, da qui è un gioco “senza esclusione di colpi” verrebbe da dire.Riordinate dalla panchina le ragazze, la compagine di Induno riparte nel parziale successivo (0-4) ma le locali non sono da meno  perlomeno nella prima parte del tempo rimangono in scia (5-7, 8-9, 1), perseguendo nella loro azione “pressante fino all’ultima palla (19-25).  Gioco peraltro sostanzialmente pulito delle due squadre: se nei primi ho “avuto” il io da fare’, ora mi limito ad essere “quell’omino in maglia bianca e pantaloni neri sul cadregone a metà capo; questo e il successivo sono dunque set ben giocati, dove ‘è solo l’ultima palla caduta a decidere l’epilogo della gara. Ciò avviene mentre quando sembra fatta per OSGB pronta arriva la “controffensiva” di casa.
Pur in un continuo crescendo che le consente di disputare un finale del quarto set in rimonta, ad Asso sfugge platealmente l’opportunità di arrivare al tie break (da 16-20 a 23-23 al finale 24-26).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *