Ad Arcisate .. sfidando il meteo !!

Mentre si continua ad attendere l’inizio della stagione estiva VERA, oggi è servita un’altra classicissima del cicuito del Piede d’Oro: appuntamento ad Arcisate per la ‘Quatar pass par Arcisà’, giunta alla 29^ edizione, organizzata dal gruppo locale dell’Atletica Arcisate.

Oggi per chi aveva voglia di prendere un pò d’acqua ce n’era decisamente in abbondanza !!: anche se non scrosciante, a tratti pioveva a catinelle.
Il percorso proposto – ben ricordo – è tutt’altro che abbordabile come profilo, e il tempo degli ultimi giorni non fa pensare di certo a condizioni ottimali. Le previsioni METEO PER LA GIORNATA ODIERNA DAVANO dA GIORNI uno sviluppo “dda pauraaa” e, dopo una prima pausa mattutina, così è stato !! Il consueto giro quest’anno è invertito: partenza inedita dall’area antistante il suggestivo parco che fa da sfondo alla gara.
Dopo aver commemorato alcuni podisti, il via: poche centinaia di metri su asfalto, improvvisa svolta a destra e si sale per andare ad imboccare un primo sentiero della parte boschiva che non ci abbandona mai oggi ad eccezione dei tratti iniziale e di quello che riporta al parco Lagozza per la “passerella finale” e di un “ritorno-su-asfalto’ dopo il 5° km. Si tratta per qualche centinaia di metri di un normale passaggio, poi la strada comincia progressivamente a salire. Per fortuna, gli attraversamenti sono ben coperti dalla vegetazione, cosicché non si avverte molto la pioggia che cade talora copiosa.
A volte i passaggi comportano anche un cambiamento di luce, di modo che ciò si assomma all’attenzione necessaria per il fondo a tratti sassoso e scivoloso ! … E’ in questo tratto iniziale che mi accorgo di perdere diverse posizioni, e con esse il ‘di veder rompersi !’ il ritmo iniziale. Nel frattempo, il sentiero attraverso i boschi continua a salire ( ho ancora ‘impresso’ un passaggio in cui noi-dietro vedevamo quelli davanti a noi).
Verso la fine dei nove km. scarsi ecco Giuseppe Ramundo oggi a far servizio, fradicio come pochi (e destinato a prenderne tanta altra !!), ‘che non manca di salutarmi’.
Anche oggi non sono mi sento molto soddisfatto anche se in parte oggi posso avere plausibili giustificazioni. Devo constatare che è un periodo in cui acciacchi fisici e strane sensazioni ‘si alternano con regolarità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *