.. Io sono ancora qua ! ..

Eccomi qua, nelle stesse condizioni di qualche mese fa quando, vittima ‘senza colpa né macchia’ di una situazione congiunturale del mondo del lavoro che non accenna a passare noostante periodicamente ci vogliano inculcare che “.. il peggio è passato ! ..”. Dopo diverso tempo dall’essere stato lasciato a casa, come tanti altri d’altronde, trovai una occupazione che, seppur temporanea, era un modo di rientrare nel mondo del lavoro ‘dalla porta principale’, a testa alta forse ! ..

Poche settimana fa lo stage, un progetto della Regione, che scade e la comunicazione dell’impossibilità (!!!) di rinnovarmi perlomeno il contratto a termine; motivo: “.. mancano le risorse ! ..”PERFETTO STILE ITALIANO ..” – vado ripetendo io quando mi fermo a parlare con qualcuno.
Un epilogo di questa esperienza che, per quanto temporanea, mi dà ancora un’illusione, un’illusione che già durava da più di tre anni, e che francamente nonostante le mie incertezze mi ha ha lasciato un pò stordito. Ciò significa infatti nuovamente rimanere a casa, veder scorrere lentamente le ore la giornata il tempo, inconsciamente chiudersi … e rimandari magri i propri progetti, le proprie ambizioni di ‘riscatto’.

Dire ‘Sono fortunato ! ..’ sarebbe un azzardo vista la situazione attuale ma in questi giorni il tempo è scorso abbastanza velocemente, o per meglio dire non mi è pesato particolarmente tornare in questo status. Si è affaccitaa una proposta che mi ha fatto riaccarezzare dal vivo la mia passione: il webmasterig, lo sviluppo dei siti. Non che ora abbia per le mani chissà cosa semplicemente mi è stato proposto di sviluppare un sito web da un’associazione del mio paese. Ne è seguito un ‘acre’ e attento lavoro a casa che ha ravvivato in me quella fiammella … di “Mettermi in gioco” .. ma perché non c’è di meglio !! :).

Voglia di provarci, di voler raggiungere un sogno mai sopito, che ancora si ravviva ogni volta che mi ci metto …

Una strada erta, piena di ostacoli, come qualsiasi altra cosa che si vuole perseguire sul serio, una (mia) quasi scelta controcorrente … ma a questo punto una scelta verosimilmente obbligata, per sfuggire da un vortice che risucchia a sè chiunque e che non vuole aver fine, che ci attrae a se ma dal quale occorre (a questo punto, cercare di) tenersi lontano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *