Tu chiamale se vuoi … emozioni (??!)

the_100ths

Nel mese di novembre devo annotare due ricorrenze (la soddisfazione ci sta !!).

Se in all’inizio di quest’ultima stagione con la mia partecipazione al circuito podistico del Piede d’Oro ho tagliato le 250 presenze (con la beffa che la precedente l’avevo chiusa giustogiusto a 249 ! …, quindi a scapito dei miei “coscritti” per il sottoscritto anniversario rima

ndato! ;)), traguardo che verrà celebrato per tutti i meritevoli della carovana in occasione delle prossime premiazioni di fine anno il 17 novembre presso il Salone di Villa Estense di Varese, pure sul versante della mia altra passione sportiva, la pallavolo, iniziata con la fine dell’inverno 2009 sulla scia della costituzione di una realtà sportiva di cui tuttora sono protagonista, con la direzione di gara di ieri sabato 2 novembre sono arrivato ad inanellare la 100ima presenza sui campi da gioco come arbitro ufficiale PGS. Piccole (forse anche

banali) soddisfazioni, le quali stanno però a simboleggiare qualcosa, una sottolineatura della propria disponibilità (che si è voluta dare) e continuità che si è voluto imprimere in determinate attività che in cui abbiamo voluto cimentarci (scelte liberamente !!) e in cui evidentemente ci sentiamo bene, non

solo nel senso stretto del termine, nelle quali cioé cerchiamo sempre di dare il meglio.

A complemento del nostro quotidiano, ogni cosa che si intraprende come hobby, tempo libero, presenta le sue difficoltà, le sue regole, attenzioni  ‘da procedura’ da seguire: per cui non sempre si tratta di .. semplici passeggiate; anzi, ogni passo in più che io riesco a fare in ciò sta a significare per me un passo in più nella formazione primaria, un mattoncino aggiunto, ‘una nozione che sono riuscito a fare mia’; ed è proprio per ciò che forse è giusto rimarcare questi obiettivi raggiunti !

Da una parte in particolare una semplice attività sportiva in cui mi sono voluto tuffare liberamente come tanti altri che conosco e ho conosciuto proprio frequentando questo ambiente, quasi inseguendo un mito (come fanno i bambini !), apprendendo nel contempo con umiltà i miei limiti, ma che senza pretese può regalarci delle preziose soddisfazioni, dall’altra la prosecuzione , quasi il cercarsi una nicchia, di una passione nata quasi per caso.

Come premesso, sono piccoli traguardi personali raggiunti, che probabilmente poi vorranno dire tanto e niente per chi

li raggiunge ma che ne testimoniamo l’impegno e la perseveranza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *