Che begli occhi ! …

 
‘Che begli occhi ! …’
una frase, tre parole ‘dettetuttedunfiato’ con piacevolezza (e un velo di bramosìa), con cui spesso si suggella una folgore; un complimento fugace ‘buttato’ ma dietro cui si vuole nascondere un fremito forse, così tagliente, intrusivo per chi lo manda e per contro ovattato, (quasi) incolore per chi è dall’altra parteun breve attimo che ci stupisce e ci frastorna (..). Lanciato quasi banalmente ma con la utopica speranza che possa avere un seguito, un ‘senso’ …

A me è capitato giusto l’altra sera di lanciare questo ‘messaggio’ (ad una ragazza !) entrando in una gelateria per chiedere semplicemente una bottiglietta d’acqua.
Una esternazione ‘fugace’ con la quale si vuole lanciare in determinate circostanze, quando cioè non vuole essere una banale ‘canzonata’, un “Ehi sono qui ! …”, talora pronunciato quasi come un ‘atto liberatorio’ …
Questo per dire come spesso sia le piccole cose che ci abbagliano, arrivando addirittura a coinvolgerci emotivamente, fors’anche in maniera smaniosa ! …. ecco quindi la giustificazione di esclamazioni siffatte.

0 pensieri riguardo “Che begli occhi ! …”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *