A Casorate S. per l’ultima del Piede d’Oro 2012

Stamane ultimo appuntamento della stagione del Piede d’Oro con l’appuntamento a Casorate Sempione per la Pu.Ma. Race, giunta alla quarta edizione, 33esima tappa del circuito varesino.
Le sopraggiunte negli ultimi giorni condizioni atmosferiche che ormai decretano a tutti gli effetti l’entrata nel freddo autunno, fanno intendere per oggi non c’é da sperare in condizioni meteo favorevoli, tutt’altro: infatti, al risveglio il barometro segna una temperatura al di sotto dei 10° e, benché l’avvicinamento al luogo del ritrovo facesse presagire un qualcosa di meglio guardando il cielo (un timido sole cercava di farsi largo tra le basse nuvole), la temperatura non era migliore, se non ancora peggio.
Causa proprio le precarie condizioni meteo, e in virtù della grandinata del primo mattino, il percorso viene accorciato per evitare l’insidioso tratto boschivo (memori gli organizzatori dell’esperienza di due anni fa).
Percorso ridisegnato dunque, con parternza a ridosso del campo polivalente di Casorate verso il parcheggio antistante, quindi si prosegue lungo le vie che attraversano il paese della brughiera.
Si è quasi a ridosso del primo km di gara quando insieme agli altri podisti avverto che ricomincia a piovere .. non una pioggia leggera bensì insistente, pesante ! … sono gocce “bagnate” sì ma non gocce qualunque !.. ho poi conferma da un corpuscolo bianco che si posa sulla chioma di Paola innanzi a me che sta grandinando (!!): bene – penso – oggi le becchiamo tutte insieme ! … ; per fortuna però questa situazione perdura solamente per alcuni minuti poi .. è tutta contro il freddo insistente di giornata !! Nel frattempo la strada inizia a salire dolcemente lungo un rettilineo di modo che quasi non ce ne si accorge (e qui devo rifiatare); nel mentre vengo raggiunto da Samuele (anticipato di qualche centinaio di metri dall’amico Stefano) che, appreso che la lunghezza della camminata è stata accorciata dai soliti 10 km, sta tenendo un bel ritmo (sarà per il target-mezza di Busto ?); al termine di questo, svolta verso un sentiero boschivo (che richiama tutte le caratteristiche di uno sterrato stile-campestre, con tanto di pozzanghere e fango !!). A seguire, si riprende per il resto della gara l’asfalto che riporta verso il caseggiato di Casorate, culminando nell’ultimo breve tratto a ridosso della tensostruttura che dapprima conduce i podisti all’ attraversamento di una parte di quello che sarà il circuito proposto dall’organizzazione per il Winter Challenge, poi all’ arrivo finale sulla pista del campo di Atletica: qui, dalla breve zona boschiva antistante non posso fare a meno di rinunciare alla mia classica volatona “a suggello” della conclusione dell’edizione 2012 del PSV.
Se il mio fine è (e rimane) di riuscire a mantenere una buon ritmo, a prescindere dal percorso ridotto di qualche chilometro, oggi mi posso ritenere tutto sommato soddisfatto.

Dunque, cala il sipario sul cir(colo)cuito del Piede d’Oro 2012, con un arrivederci alle premiazioni finsali delle varie categorie che avverranno il giorno 11 novembre presso il salone Estense della provincia di Varese, come da consuetudine da qualche anno.
A seguire, non mancheranno altri (numerosi) appuntamenti podistici: fra i tanti domenica prossima il trial ‘Terre di Mezzo’, poi il mini-circuito del ‘Winter Challenge’, sempre qui nel Varesotto, e le ‘Ammazzainverno’, più a largo raggio in terra piemontese.
l

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *